“IL BAMBINO NUOVO” – Riflessioni sul Partito Democratico – 63

Qui sotto ho postato alcune riflessioni sul Partito Democratico, che avevo scritto in preparazione dell’Assemblea Regionale del PD, svoltasi sabato 17 maggio a Forlì. Fammi sapere cosa ne pensi, lasciando un commento sul blog!

Abbiamo perso alla grande: siamo passati, in poche settimane, dal “Si può fare!” al “Che cosa si può fare?”.

Ciò che resta all’indomani delle elezioni politiche del 13 e 14 aprile è il bambino nuovo che è frutto di un atto d’amore verso l’Italia e della generosità dei genitori. Ora è tempo non di rimanere attorno alla culla chiusi nella propria casa a vedere a quale dei genitori assomiglia, ma di aiutare il bambino a crescere e a diventare adulto, educarlo ad acquisire una propria fisionomia autonoma e forte, per affrontare le sfide dei cambiamenti in atto nella società.

La sua nascita, con le Primarie del 14 ottobre 2007, ha infatti mobilitato e suscitato le attese e le speranze di tanti italiani che non vanno deluse. La sua registrazione all’anagrafe della politica è avvenuta, invece, con l’approvazione dello Statuto, della Carta dei Valori e del Codice Etico, che hanno definito i tratti somatici di questa nuova creatura. Alla prima importante visita di controllo, peraltro anticipata dalla crisi del Governo Prodi, il bambino è risultato ancora un po’ sottopeso (33-34%) rispetto alle aspettative, ma si è dimostrato comunque in salute e in grado di respirare, di vivere e crescere autonomamente.

Nella sua crescita, oltre al nutrimento indispensabile di idee e programmi, già adesso in corso, vi è l’assoluta necessità di ancorarlo a valori su cui costruire una sua più chiara identità. Penso ai valori della libertà nella responsabilità, della sussidiarietà, della solidarietà, della legalità, in sostanza a un nuovo umanesimo e civismo, con al centro la persona e la comunità.

Un’attenzione particolare va posta anche ai capricci tipici dei bambini: niente diritti senza rispetto dei doveri, per non confondere i bisogni autentici delle persone con i desideri e le voglie effimere! I diritti infatti, a mio avviso, in questa società dove si sviluppa la personalità del bambino, sostituiscono spesso le relazioni e proliferano dove i legami e i rapporti hanno fallito e si è prodotta infelicità e solitudine. Bisogna perciò rinunciare tutti, adulti e bambini, ad un po’ di individuo tornando a porre l’accento sulla relazione e sul fatto che sono gli altri a farci essere quello che siamo, perfino a farci essere liberi, riconoscendo la nostra interdipendenza e il nostro bisogno dell’altro.

Al bambino va inoltre insegnato che nella vita bisogna impegnarsi con sacrificio, studiare e promuovere la formazione permanente per valorizzare il merito e il talento. Il bambino deve imparare poi correttamente oltre che l’italiano, recuperando un forte senso di appartenenza alla nostra Patria, anche l’inglese per diventare un autentico cittadino europeo, senza trascurare in alcun modo il dialetto indispensabile per mantenere un forte radicamento nella propria comunità locale, preservando le proprie radici e tradizioni.

Crescendo robusto e con una forte personalità il bambino sarà poi in grado di scegliersi le amicizie e le compagnie sulla base di una progetto condiviso di vita e di interessi comuni, tenendo conto che in qualche caso può valere il proverbio “meglio soli che male accompagnati”. A mio avviso, infatti, proprio perché ancora in una fase di crescita, il PD, il nostro bambino, presenta un identità, un profilo programmatico e un impianto organizzativo ancora in gran parte da definire. Inevitabilmente, in una condizione siffatta, tendono ad emergere, come vediamo quotidianamente, singole identità o le identità del passato (i genitori che sembrano in realtà essere ancora vivi, possessivi e gelosi della nuova creatura). Dire dunque dove si vuole andare, è oggi il nostro compito principale e significa trasmettere a tutti gli italiani, che in maggioranza non ci hanno creduto, il senso di una prospettiva senza la quale è difficile coinvolgere altre persone nella nuova avventura.

Perciò oggi serve al PD di nuovo coraggio, non tenere botta, ma cambiare ancora, dismettendo ogni attitudine elitaria per radicarsi maggiormente nel popolo e recuperare il terreno perduto a destra. Occorre essere affidabili nei fatti, per recuperare fiducia in ulteriori strati di popolazione, necessaria per vincere e per governare. Ci sono evidentemente aree critiche nel consenso del PD: il mondo della piccola impresa e delle partite Iva, tradizionalmente diffidente nei confronti del centrosinistra e che si è sentito particolarmente colpito dalle politiche del Governo Prodi; la base operaia e gli strati popolari impauriti da globalizzazione e immigrazione, preoccupati per la perdita di valore d’acquisto dei salari, che una volta si rivolgevano alla sinistra e ora si affidano alla Lega Nord; l’elettorato cattolico moderato, che stavolta si è trovato davanti a una proposta, quella dell’Udc di Casini, per la prima volta non legata organicamente a Berlusconi.

Come dice Ilvo Diamanti: “è un strano albero questo PD, le radici salde. Fin troppo. Non riescono a propagarsi. Il fusto fragile. I rami rinsecchiti. Le foglie crescono. Tante. Ma cadono presto”.

E allora meno tessere e salotti TV e più valorizzazione nel partito degli amministratori capaci. Lavoriamo ad un Partito che bandisca il conformismo e l’opportunismo, stimoli la circolazione delle idee e moltiplichi le sedi di discussione. Un partito che si strutturi sul territorio e che da lì prenda linfa, nuove energie, nuova classe dirigente, facendo emergere dal basso i nuovi leader e non attraverso investiture dall’alto, retaggio delle antiche riunioni dei capicorrente dei partiti fondatori. Il Partito democratico non deve essere, infatti, un raduno di nostalgici, di naufraghi, di superstiti o di reduci da altre esperienze politiche, ma un incontro donne e uomini che si sono messi insieme in cammino verso una nuova meta. Pellegrini sulla base di convinzioni e valori comuni. Senza valori, infatti, la politica da faticoso ma affascinante pellegrinaggio rischia di trasformarsi in monadismo (vagare senza meta) o, peggio, in vagabondaggio alla ricerca di una prebenda o di un posto.

Ecco il PD da costruire: il partito della speranza. In una parola: ritrovare la politica perduta, restituire alla politica la sua dignità, la sua sobrietà, la sua funzione, che è appunto quella di promuovere, alimentare e costruire la speranza.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.