Un patto tra Regione e Province per tutelare il lavoro dei disabili

La Regione ha definito gli indirizzi per l’utilizzo del fondo regionale per l’occupazione delle persone con disabilità per il triennio 2008-2010: alla Provincia di Forlì-Cesena 1.153.907 euro per progetti tesi a promuovere l’integrazione lavorativa e ad assicurare il sostegno e il diritto al lavoro dei disabili, secondo quanto previsto dalla legge regionale 1 Agosto 2005, n. 17, “Norme per la promozione dell’occupazione, della qualità, sicurezza e regolarità del lavoro”.

“Il fondo – dichiara Damiano Zoffoli, Consigliere regionale del Partito Democratico – sosterrà il diritto al lavoro, attraverso l’accessibilità, la permanenza e la qualificazione degli oltre 6000 disabili iscritti all’ufficio provinciale del lavoro di Forlì-Cesena, con un’attenzione particolare a quelle persone, circa 2400, che a causa della loro particolare e grave disabilità incontrano ancora enormi difficoltà a trovare occupazione”.

Tale intervento della Regione, con il contributo di 384.000 euro annui per il triennio 2008-2010, consentirà quindi alla provincia di Forlì-Cesena di dare piena attuazione alla convenzione sottoscritta con le associazioni imprenditoriali (Confindustria, Api, CNA, Confartigianato, Confesercenti, Confcommercio, Confagricoltori, Coldiretti, Unione Agricoltori, CGIL, CISL, UIL, Legacoop, Confcoperative, Agci), i sindacati e le cooperative sociali, alla presenza dei rappresentanti delle associazioni dei disabili, quali l’Associazione Mutilati e Invalidi Civili, del Lavoro, per Servizio, l’Unione Italiana Ciechi, l’Associazione Vittime Civili di guerra, l’Ente nazionale sordomuti) per favorire l’integrazione lavorativa dei disabili iscritti all’ufficio di collocamento ed in attesa di occupazione.

Il Patto prevede, tra l’altro, l’assunzione di un disabile nelle realtà aziendali con più di 15 dipendenti, di due in quelle con più di 35 e del 7% della forza lavoro in quelle con più di 50, per un periodo di tempo non inferiore ad un anno e con una retribuzione pari a quella dei colleghi.

“Quello approvato dalla Regione Emilia-Romagna – conclude Zoffoli – è un provvedimento molto importante, atteso da diversi anni, che prevede una progettualità compartecipata, improntata ad una logica di rete fra i Servizi del Lavoro provinciali, quelli gestiti da altre Amministrazioni Pubbliche ed il privato sociale, con un approccio maggiormente personalizzato ed individuale per favorire un collocamento mirato alle caratteristiche del lavoratore con disabilità. Un esempio positivo e concreto di sviluppo del welfare community nella nostra provincia”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.