Meno burocrazia per gli agricoltori con i buoni-vendemmia

La Regione ha preparato dei voucher per favorire il lavoro occasionale nei campi di studenti e pensionati. Dalla prossima vendemmia sarà facilissimo avere lavoratori in regola con contributi e assicurazione sugli infortuni. Se la sperimentazione funzionerà sarà estesa ad altri settori del mondo agricolo.

Una risposta agli agricoltori che cercano braccia per la stagione della vendemmia. La Regione Emilia-Romagna ha preparato dei voucher (buoni), riservati a pensionati e studenti, per la vendemmia 2008. In questo modo chi si mantiene agli studi, o vuole arrotondare la pensione, potrà andare a lavorare qualche giorno nei campi essendo perfettamente in regola.

I voucher per il lavoro occasionale in agricoltura comprendono anche i versamenti contributivi e l’assicurazione contro gli infortuni grazie ad una convenzione tra Regione, Inps e Inail. E’ la prima volta che in Emilia-Romagna si sperimentano soluzioni di questo genere, previste da un decreto legislativo del 2003.

“Penso che questi voucher possano combattere il lavoro nero e dare una possibilità di reddito in più a studenti e pensionati – commenta Damiano Zoffoli, Presidente della commissione Politiche Economiche dell’Assemblea regionale – oltre a dare una mano agli agricoltori. Grazie ai voucher, infatti, le imprese agricole potranno fare a meno di buona parte della burocrazia legata ai contratti di lavoro temporaneo o determinato”.

I buoni regionali, del valore di 7,5 euro netti all’ora, sono destinati a pensionati e studenti dai 16 ai 26 anni, iscritti alla scuola superiore, alla formazione professionale o all´università. Gli interessati possono rendersi disponibili iscrivendosi alle liste dei Centri per l’impiego. Per restare nell’ambito del lavoro occasionale, studenti e pensionati non potranno ricevere più di 5mila euro di compensi da voucher in un anno solare. In questo modo potranno anche conservare lo stato di disoccupazione.

Ogni imprenditore agricolo invece avrà un limite di spesa con i voucher di 10mila euro l’anno. I viticoltori potranno trovare i buoni presso i Centri per l’impiego pagandoli 10 euro l’ora (comprensivi dei contributi). L’acquisto di voucher in carnet permetterà all’agricoltore di regolarizzare senza fatica i lavoratori occasionali.

“Se i voucher porteranno buoni frutti nel periodo della vendemmia – rileva Zoffoli – potranno essere estesi ad altri settori del mondo agricolo. L’agricoltura oggi è gravata da molti problemi, sostenerla e sollevarla dal peso della burocrazia è una priorità per la Regione”.

Entro venti giorni Inps, Inail e Regione Emilia-Romagna elaboreranno un progetto esecutivo territoriale per definire le risorse necessarie a supportare la promozione del progetto e la sua realizzazione. Per la supervisione della sperimentazione si è costituito un Comitato di coordinamento regionale del progetto, del quale fanno parte un rappresentante del Ministero del lavoro, uno dell’Inps, uno dell’Inail, un rappresentante della Regione e uno per ogni Provincia.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.