Dalla Regione 713.718,60 euro per favorire l’attivazione di progetti e azioni a sostegno della genitorialità e della maternità. 75.484,42 euro andranno ai Centri per le famiglie della Provincia di Forlì-Cesena

La Regione Emilia-Romagna ha attribuito 713.718,60 euro ai Comuni, sede dei Centri per le famiglie, per stabilire accordi distrettuali con i consultori familiari, atti a favorire l’attivazione di progetti e azioni a sostegno della genitorialità e della maternità.

Destinatari del fondo sono i 23 Centri per le famiglie della Regione, tra i quali figurano quelli di Forlì, Forlimpopoli e Cesena.

“In Provincia di Forlì-Cesena arriveranno, in questo modo – specifica il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – 75.484,42 euro, di cui 29.007,25 al Comune di Forlì, 28.205,02 al Comune di Cesena, 18.272,15 a Forlimpopoli”.

Gli accordi distrettuali tra Centri per le famiglie e consultori familiari dovranno essere sottoscritti tra i legali rappresentati dei Comuni, sede dei centri per le famiglie, e i legali rappresentati delle Aziende Unità sanitarie locali, per i propri consultori.

L’accordo prevede che i Comuni concorrano al cofinanziamento dei progetti nella misura di almeno il 20% del costo e siano i soggetti responsabili del monitoraggio e della valutazione degli stessi. Il protocollo tra i Centri per le famiglie e i consultori prevede, fra l’altro, il potenziamento degli interventi sociali a favore delle famiglie e il supporto alla genitorialità e alla maternità, attraverso la promozione e l’estensione dei servizi di mediazione familiare e consulenza educativa (anche con la sperimentazione di modalità di accesso diretto dal consultorio al centro per le famiglie). Tra le azioni previste per il sostegno ad una maternità e paternità responsabili figurano la messa in atto di progetti per la diffusione di forme di solidarietà fra famiglie (esperienze di buon vicinato o sostegno a giovani mamme…) e di progetti per rispondere al bisogni di rete sociale utilizzando le risorse informali (associazioni, gruppi di donne…) presenti sul territorio, anche in collaborazione con il terzo settore.

“Si tratta di un altro esempio concreto – conclude Zoffoli – di welfare community: integrare tra loro servizi sociali, sanitari e socio-sanitari, aprendoli di più alla società civile. Il settore pubblico oltre che fare direttamente e lasciar fare dovrà, soprattutto, aiutare a fare, promuovendo l’auto-organizzazione dei soggetti coinvolti, per rispondere ai nuovi e vecchi bisogni, secondo il principio di sussidiarietà”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.