Un nuovo deposito di sabbia sottomarino per futuri interventi di rinascimento, per contrastare l’erosione costiera

Un nuovo, esteso, deposito di sabbia sottomarino, a 60 km dalla costa di Rimini e a 50 metri di profondità, con una disponibilità di sabbia compresa tra i 150 e i 200 milioni di metri cubi, che si aggiunge a quelli già conosciuti al largo di Ravenna e dei Lidi ferraresi e che potrà rivelarsi di grande utilità per futuri interventi di ripascimento contro l’erosione costiera.

Il deposito è stato individuato grazie a Beachmed-e, il progetto dell’Unione Europea per la difesa delle aree costiere del Mediterraneo.

Beachmed-e è un programma europeo che coinvolge le Regioni Lazio, Liguria, Toscana ed Emilia-Romagna per l’Italia, Conseil General de l’Herault e Direction Regionale de l’Equipement Languedoc-Roussillon per la Francia, Generalitat de Catalunya per la Spagna, Regione di Creta, Regione Macedonia dell’Est – Tracia per la Grecia. L’obiettivo è mettere a punto strategie di intervento coordinate a livello europeo, per preservare e tutelare un habitat costiero sempre più fragile e a rischio in tutto il Mediterraneo.

“Il ripascimento con sabbie fossili – dichiara il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – rappresenta oggi la strada fondamentale e di minor impatto ambientale per far fronte ai problemi dell’erosione costiera. In Emilia-Romagna si può calcolare che sia necessario effettuare un robusto intervento di ripascimento con sabbie sottomarine, in media, ogni cinque anni. Rimane, comunque, assolutamente indispensabile, una efficace e periodica manutenzione e gestione delle strutture rigide di difesa esistenti”.

“Il turismo, e le ricchezze che esso produce – continua Zoffoli – non possono essere disgiunti dai problemi che tutta la costa ha anche nel nostro Paese; a tal fine è quindi necessario attivare una politica nazionale di gestione integrata delle zone costiere”.

Tra i risultati di Beachmed-e c’è anche l’installazione, avvenuta nello scorso mese di maggio, al largo di Cesenatico, a otto chilometri dalla costa, di una boa ondametrica per monitorare il moto ondoso. La boa trasmette al Centro Ricerche Marine di Cesenatico i dati in continuo su dimensioni, altezza, frequenza e intensità delle onde, oltre che su temperature dell’acqua e dell’aria.

“Si tratta – conclude Zoffoli – di un ulteriore contributo per il monitoraggio della salute del mare Adriatico e la messa in sicurezza di Cesenatico”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.