Sulla 194 la Regione prenderà a modello l’esperienza forlivese

A Forlì è operativo un protocollo d’intesa tra Comune, Ausl e associazioni di volontariato che ha ridotto il ricorso all’aborto del 9%. Per l’assessore alle Politiche della salute Giovanni Bissoni (sollecitato da un’interpellanza del consigliere Damiano Zoffoli) si tratta di un ottimo esempio d’integrazione tra servizi, da estendere a tutta l’Emilia-Romagna.

L’esperienza forlivese del percorso nascita sarà presa a modello dalla Regione. Il riconoscimento arriva dall’assessore regionale alle politiche della Salute Giovanni Bissoni che, nei giorni scorsi, ha risposto ad una interpellanza presentata dai consiglieri Damiano Zoffoli e Matteo Richetti (Pd) per estendere un protocollo che sta dando buoni frutti nella tutela della vita.

“L’esperienza di Forlì riportata dai consiglieri – ha rilevato Bissoni – rappresenta un ottimo esempio d’integrazione tra servizi. Per mantenere e migliorare i risultati raggiunti, si conviene sull’opportunità di promuovere e consolidare le prassi attuate estendendole all’intera regione”. Lo strumento scelto è quello della “cabina di regia” con gli enti locali. Qui la Giunta regionale solleciterà l’inserimento nei vari “piani di zona” socio-sanitari di indicazioni precise ispirate all’esperienza forlivese.

Ma cos’ha di speciale il protocollo di Forlì? Prima di tutto la buona volontà e l’apertura al terzo settore. Nei trent’anni seguiti all’approvazione della 194, infatti, alcune parti della legge sono rimaste lettera morta. E troppi consultori pubblici si sono rivelati luoghi dal “certificato facile” per le donne che chiedono l’Ivg. Il documento forlivese vuole combattere proprio questo automatismo. Per farlo ha coinvolto 23 associazioni di volontariato: dalla Consulta comunale permanente delle associazioni familiari al Centro di aiuto alla vita, dalla Comunità Papa Giovanni XXIII all’Afi, l’Associazione delle famiglie italiane.

Partendo dal rispetto della volontà della donna e del suo diritto ad una procreazione cosciente e responsabile, all’interno del consultorio forlivese è stato installato un ecografo, si sono aperte le porte al terzo settore e per ogni donna si è preparato un percorso di incontri con assistenti sociali e sanitari. I risultati non si sono fatti attendere: in sedici mesi (l’ultimo rilevamento risale al maggio 2008 e il protocollo è operativo dal febbraio 2007) su 298 donne presentatesi al consultorio per l’Ivg ben 27 hanno accettato di portare a termine la gravidanza.

“I risultati ottenuti a Forlì sono molto incoraggianti – ha dichiarato Damiano Zoffoli, consigliere regionale Pd – e l’estensione di quest’esperienza potrà far fare passi in avanti all’intera Emilia-Romagna nella promozione della cultura della vita. Ma ancora non basta. Bisogna favorire politiche di sostegno alla maternità nel senso più ampio possibile, mettendo a disposizione risorse economiche, di accoglienza e soprattutto una rete di servizi su misura dei bisogni di ogni donna”.

La rimozione delle cause che possono indurre la donna ad abortire infatti rappresenta un passaggio decisivo, specie nel caso delle donne straniere. Infatti mentre il ricorso all’aborto è in calo (in 25 anni è diminuito del 45 per cento), tra le straniere si registrano tassi di interruzione della gravidanza superiori di 3-4 volte a quelli delle donne italiane, specie tra le giovanissime.

 

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.