Blocco della pesca, i consiglieri Pd Zoffoli e Lucchi auspicano una soluzione “ragionevole e positiva per tutti”

“La protesta ha ragioni condivisibili ma non può trascendere e non deve mettere in crisi il sistema romagnolo”.

“Le ragioni della protesta dei pescatori romagnoli sono in larga parte condivisibili, ma i metodi che vengono messi in pratica per portare all’attenzione generale del Paese le problematiche che stanno affrontando non devono in alcun modo trascendere in atteggiamenti intimidatori e violenti, e le conseguenze di questa iniziativa non possono mettere in crisi l’intero sistema della nostra riviera, a maggior ragione in un momento così importante quale quello dell’apertura della stagione turistica».

I consiglieri del Partito democratico in Regione Emilia-Romagna Damiano Zoffoli e Paolo Lucchi intervengono sul caso che sta facendo discutere in questi giorni, auspicando una soluzione “ragionevole e positiva per tutti”.

“Il fatto che i pescatori anche nella nostra regione si mobilitino, per sensibilizzare gli organi preposti sulle difficoltà che stanno affrontando a causa del caro-gasolio e degli altri elementi che incidono pesantemente sulla loro attività, è del tutto legittimo: occorre attivarsi per dare risposte concrete alle domande che avanzano da questa parte del mondo produttivo romagnolo – sostengono Zoffoli e Lucchi – Non è però tollerabile che ci sia chi pensi di mettere in atto iniziative che trascenderebbero dalla normale dialettica democratica, impedendo a chi la pensa diversamente di esercitare il sacrosanto diritto di svolgere la propria attività professionale”.

“C’è un secondo elemento da tenere in grande considerazione. – proseguono i consiglieri del Pd in Regione Emilia-Romagna – Questo blocco rischia di avere ripercussioni molto pesanti non solo sui pescatori, ma anche sui ristoratori, gli albergatori, i commercianti e, in ultima analisi, su tutto il sistema turistico della nostra riviera, che sta affrontando il delicato momento dell’apertura della stagione turistica. Quella attuale è una fase nella quale gli strumenti del confronto e del dialogo devono prevalere. Dopo il maltempo delle settimane scorse, che ha rischiato di incidere negativamente sulla primissima fase della stagione, sarebbe imperdonabile, e poco comprensibile a tutti gli operatori del settore, se atteggiamenti al di sopra delle righe causassero un danno al sistema romagnolo, in un concatenarsi di atteggiamenti sbagliati che non solo avrebbero conseguenze negative su tante parti del mondo economico di casa nostra, ma certo non aiuterebbero a risolvere i problemi dei pescatori, che invece meritano di essere ascoltati e tenuti nella giusta considerazione”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.