PROTOCOLLO OPERATIVO per il MIGLIORAMENTO del PERCORSO IVG – notizie dal web – 65

Grazie anche all’interrogazione che ho presentato in Regione, assieme al collega Matteo Richetti, la notizia del PROTOCOLLO OPERATIVO per il MIGLIORAMENTO del PERCORSO IVG, in uso nel comune di Forlì, si sta diffondendo. Così l’ha commentata, sul suo blog, che vi invito a visitare, Andrea Sarubbi, parlamentare del Partito Democratico, giornalista e volto nuovo della politica.

tratto da www.andreasarubbi.it – 14 giugno 2008

Comunisti vegetariani

I comunisti che mangiavano i bambini stanno diventando vegetariani: da un anno e mezzo a Forlì, presto – si dice – anche nel resto dell’Emilia Romagna. A Forlì c’è una giunta che parte dal Pd e arriva a Rifondazione, con un sindaco di provenienza Ds (non amo specificare le vecchie appartenenze, ma in questo caso dà sapore alla notizia) e tante persone di buona volontà. Dopo due anni di discussioni – perché capirsi a volte è difficile – a febbraio 2007 hanno trovato una strada per applicare meglio la legge 194, passando dal concetto di “diritto all’aborto” a quello di “diritto ad una scelta libera”. E non è un cavillo. In sostanza, hanno deciso di puntare sulla prevenzione, potenziando il ruolo del consultorio: ogni donna che vi arriva trova un ecografo, ma soprattutto inizia un percorso di incontri con assistenti sociali e sanitari. Nel progetto sono coinvolte 23 associazioni di volontariato, firmatarie di un protocollo d’intesa con Ausl e Comune. Niente di talebano – mi ha spiegato stamattina Damiano Zoffoli, ex sindaco di Cesenatico ed attuale Consigliere regionale del Pd – ma solo una seria applicazione della legge esistente: prima di firmare il certificato che autorizza l’interruzione volontaria di gravidanza, si cerca di capire – insieme alla donna – se è possibile rimuovere le cause alla radice della scelta. Molte decidono di abortire ugualmente, qualcuna accetta l’aiuto e sceglie di tenere il bambino: finora lo hanno fatto in 27 su 298, circa il 9 per cento. Su 130 mila aborti all’anno in Italia, si salverebbero 11.600 bambini. Niente male per chi, come noi comunisti, era abituato a mangiarli.

Puoi scaricare il testo integrale del PROTOCOLLO cliccando qui sotto.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.