Bando della Regione per il sostegno alla cooperazione sociale

Il Consigliere regionale Damiano Zoffoli rende noto che “la Regione Emilia-Romagna sostiene con un bando da 500.000 euro la cooperazione sociale. 100.000 euro saranno a supporto alle spese di avviamento delle cooperative sociali e 400.000 euro a sostegno dei progetti di sviluppo, consolidamento e qualificazione delle stesse. Nella sola provincia di Forlì-Cesena operano 87 cooperative sociali, di cui 21 di tipo B”.

La Regione Emilia Romagna ha approvato un bando che sostiene alcune iniziative di promozione e sviluppo della cooperazione sociale, in particolare delle attività finalizzate all’inserimento lavorativo di persone svantaggiate o alla permanenza di dette persone nel mondo del lavoro.

È una delibera che interessa molte imprese del settore “not for profit” della provincia di Forlì-Cesena ove esistono 87 cooperative sociali di cui 21 di tipo B che svolgono cioè attività – agricole, industriali, commerciali o di servizi – finalizzate all’inserimento lavorativo di persone svantaggiate.

Il consigliere Damiano Zoffoli rende noto che “i contributi definiti dalla Regione Emilia-Romagna ammontano a 500.000 euro e verranno erogati con le seguenti modalità: 100.000 euro a supporto alle spese di avviamento delle nuove cooperative sociali e 400.000 euro come sostegno per progetti di sviluppo, consolidamento e qualificazione delle stesse”.

Per quanto riguarda i finanziamenti relativi al sostegno delle spese di avviamento sono destinatarie le cooperative sociali già iscritte all’albo regionale alla data di scadenza di pubblicazione del bando, e sono considerate spese di avviamento finanziabili quelle notarili relative alla costituzione della cooperativa, i costi per eventuali consulenze amministrative e/o contabili e le spese per l’organizzazione aziendale.

Per quanto attiene, invece, ai contributi per il sostegno di progetti di sviluppo, di consolidamento e di qualificazione sono destinatarie del bando quelle cooperative sociali e i loro consorzi già iscritti da almeno sei mesi, alla scadenza del presente bando, all’albo regionale, che sostengono progetti di sviluppo, consolidamento e qualificazione.

Nel rispetto dei criteri di qualità, saranno ritenuti prioritari i progetti: – presentati dalle cooperative iscritte nella sezione B dell’albo regionale; – finalizzati all’agevolare l’inserimento lavorativo di soci lavoratori o lavoratori con invalidità superiore ai due terzi, o all’agevolare il permanere degli stessi nel mondo del lavoro; – gestiti in rete tra cooperative sociali.

L’entità del finanziamento sarà determinata, in misura percentuale, fino alla concorrenza massima del 50% della spesa ritenuta ammissibile, e il contributo regionale comunque non potrà eccedere, per ciascun progetto finanziato, l’importo di € 3.000,00 per il sostegno delle spese di avviamento e € 30.000,00, elevabile ad € 50.000,00 in caso di progetto gestito in rete da più cooperative, per il sostegno dei progetti di consolidamento e di qualificazione delle cooperative sociali.

“La Regione Emilia-Romagna, in una logica di welfare community e di applicazione del principio di sussidiarietà – sottolinea Damiano Zoffoli – intende, con questo bando, valorizzare il patrimonio prezioso di imprese sociali e no profit, contribuendo alla promozione umana e all’integrazione sociale dei cittadini. Nella provincia di Forlì-Cesena il mondo della cooperazione sociale è da sempre molto radicato e integrato nella rete dei servizi sociali alla persona e rappresenta per molti giovani un’importante prospettiva professionale e di vita attorno alla quale si sono sviluppati anche corsi universitari come quello di Economia No Profit e il Master sul Fund Raising”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.