La Regione valorizzi all’estero le manifestazioni d’eccellenza di tutti i poli fieristici dell’Emilia-Romagna

Con un emendamento al progetto di legge “Partecipazione alle società fieristiche regionali” i Consiglieri del Partito democratico Damiano Zoffoli e Paolo Lucchi chiedono alla Regione Emilia-Romagna di «sostenere progetti e società tra tutte le società fieristiche della regione utili a favorire la valorizzazione e la promozione comune all’estero delle manifestazioni di eccellenza internazionale» che si tengono nei poli dislocati nelle varie province del nostro territorio.

L’emendamento – sul quale convengono, fra gli altri, anche gli enti fieristici di Cesena e Forlì – parte dall’assunto che se la Regione Emilia-Romagna, secondo quanto si legge nel pdl, «è autorizzata a partecipare alle Società BolognaFiere Spa, Rimini Fiera Spa, Piacenza Expo Spa», vi sono anche enti fieristici che hanno una necessità primaria diversa: quella di mettere in valore quegli appuntamenti di richiamo internazionale che ne fanno un punto di riferimento a livello continentale e che, proprio per questo, meritano di essere promossi in modo adeguato in Italia ed in Europa.

«Gli osservatori di settore ci dicono che l’Emilia Romagna è la seconda regione fieristica italiana, con il 26% dell’attività a livello nazionale, tanto che il calendario del 2008 conta la bellezza di 107 manifestazioni di cui 47 internazionali, 40 nazionali e 20 regionali. 7 in più rispetto all’anno scorso – sostengono Zoffoli e Lucchi – Un sistema forte, quindi, che ha poli aggregatisi attorno ai tre grandi centri di Bologna (con le società controllate di Ferrara e Modena), Rimini e Parma, ma che gode anche di un tessuto diffuso e qualificato sull’intero territorio regionale, che si esprime con manifestazioni di eccellenza, nel caso specifico della Provincia di Forlì-Cesena, quali il Macfrut organizzato a Cesena e Fieravicola organizzata a Forlì ».

«Lo scorso anno i dati positivi hanno riguardato l’internazionalizzazione sia per quanto attiene gli espositori (+1,4% gli espositori diretti esteri) che i visitatori (+10,6% gli esteri), sia Ue che extra-Ue (con una maggiore crescita di presenze extraeuropee: +3,6% gli espositori totali esteri non europei e + 11,9% i visitatori extra-Ue. Dati del primo semestre 2007) – proseguono i Consiglieri Zoffoli e Lucchi – Questo ci dice che, oltre a Bologna, Rimini e Parma è l’insieme del sistema regionale a proporre appuntamenti di richiamo. Per rafforzare questo trend, necessario anche per reggere al meglio la sfida che “l’EXPO 2015” imporrà all’intero sistema regionale, servirà che l’Emilia-Romagna, anche con azioni coordinate e concrete, sappia garantire un’adeguata azione di supporto internazionale delle rassegne di primo piano».

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.