Il governo sblocchi i fondi che metterebbero sul mercato 1830 alloggi attualmente sfitti e vuoti

Il  centro-sinistra in Commissione Territorio, Ambiente e Mobilità ha presentato una Risoluzione per chiedere al Governo di rivedere la manovra finanziaria con il coinvolgimento delle Istituzioni locali. In Provincia di Forlì-Cesena il taglio è di 1.223.400 euro.

Con una Risoluzione da iscrivere alla prossima Assemblea Legislativa, la Maggioranza formata da Partito Democratico, Idv, Sd, Verdi e Rc (assente giustificato) in Commissione Territorio, Ambiente e Mobilità, invita la giunta a «farsi promotrice presso il Governo della necessità di rivedere la manovra finanziaria con il coinvolgimento delle Istituzioni locali al fine di ridefinirne i punti più critici, soprattutto relativamente alla spesa sanitaria e sociale» e in particolare a «ripristinare i fondi necessari a dare completa attuazione al programma “3000 alloggi” e agli interventi in materia di trasporto pubblico locale».

«La Manovra Finanziaria presentata dal Governo va ad intaccare gli accordi interistituzionali precedentemente formalizzati in tema di sanità, sociale e di TPL – dichiara Damiano Zoffoli, presidente della Commissione “Politiche Economiche” dell’Assemblea Legislativa della Regione Emilia-Romagna – e prevede tagli a carico del bilancio dello Stato che incidono su fondi destinati alle Regioni, come ad esempio per l’Emilia-Romagna i finanziamenti già concordati con le altre Regioni destinati al recupero di alloggi di edilizia residenziali pubblici sfitti, che insieme alla quota di risorse regionali rendeva disponibili oltre 1830 alloggi con investimento complessivo pari a 47 milioni di euro».

«In provincia di Forlì-Cesena il taglio è di 1.223.400 euro, recentemente messi a disposizione per intervenire nella ristrutturazione e messa in disponibilità di alloggi e edilizia residenziale pubblica inagibili e non assegnato», sottolinea il consigliere regionale Damiano Zoffoli.

«I finanziamenti regionali avrebbero permesso ai beneficiari di restituire oltre 1830 alloggi di edilizia residenziale pubblica attualmente sfitti e vuoti. L’accesso all’abitazione, in locazione od in proprietà, è la fondamentale premessa di coesione sociale e rappresenta un diritto che le politiche pubbliche hanno il compito di garantire, tanto più in un periodo di palese difficoltà economica per le famiglie italiane. Tutto questo non può andare perduto – conclude Zoffoli – il Governo ora faccia la sua parte come aveva promesso».

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.