Fondi per la casa: in arrivo a Forlì-Cesena quasi 7 milioni di euro per 116 alloggi. Così si garantisce un più facile accesso all’abitazione, rendendo le nostre città più sicure

La Regione Emilia-Romagna finanzia, con oltre 146 milioni di euro (un primo stanziamento di 90 milioni di euro al quale si sono aggiunti ulteriori 56 milioni di euro con la manovra di assestamento di bilancio), il bando “3.000 alloggi”.

Una cifra significativa arriverà nella Provincia di Forlì-Cesena: 6.881.189 euro per finanziare la realizzazione di 116 alloggi.

«È un forte segnale di attenzione al tema delle politiche abitative – sottolineano i consiglieri regionali Damiano Zoffoli e Paolo Lucchi (Partito Democratico) – L’accesso all’abitazione, in proprietà o in locazione, rappresenta uno degli scogli più difficili da superare per chi deve arrivare alla fine del mese. L’aumento delle rate dei mutui, il costo delle abitazioni diventato sensibilmente più alto negli ultimi anni e il maggior costo della vita creano difficoltà crescenti a cui la politica deve rispondere».

«L’impegno regionale per sviluppare il progetto “3.000 alloggi”, da implementare nel tempo per giungere ad un completo soddisfacimento delle esigenze dei cittadini residenti in Emilia-Romagna, va in questo senso – continuano i consiglieri Zoffoli e Lucchi – e consolida una stagione dell’edilizia residenziale pubblica volta a garantire un più facile accesso alla casa, che rappresenta per noi un diritto fondamentale: “centro degli affetti” e bene primario».

«Gli interventi contribuiranno anche a rafforzare le città come luoghi aperti di aggregazione e a favorire il senso di sicurezza attraverso la qualità costruttiva e gli spazi di socialità, per superare paure e muri» sostengono Zoffoli e Lucchi.

«I finanziamenti regionali – concludono Lucchi e Zoffoli – permetteranno ai beneficiari di mettere sul mercato abitazioni a prezzi e canoni più bassi: sono stati premiati i progetti che garantiscono la limitazione del consumo di nuovo territorio, il contenimento della dispersione urbana, l’elevato risparmio energetico (in applicazione della delibera sulla certificazione energetica) ed è stata favorita la presentazione di progetti fra Comuni associati».

Puoi consultare la tabella con il dettaglio degli interventi sul territorio provinciale cliccando qui sotto.

Allegato

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.