Un pdl per regolamentare l’attività dei mercatini degli hobbisti sul territorio regionale

La Commissione Politiche Economiche della Regione Emilia-Romagna, presieduta da Damiano Zoffoli (Pd) prenderà in esame, alla ripresa dei lavori assembleari in settembre, un progetto di legge che provvederà a regolamentare sul territorio regionale l’attività dei cosiddetti “hobbisti”, i cui mercatini animano le piazze e i centri storici delle nostre città.

Si tratta di un provvedimento invocato da molti operatori del commercio – ed in particolare da Confcommercio e Confesercenti – che nei mesi scorsi hanno sottolineato la necessità di fissare dei paletti a questo tipo di attività.

Saranno gli articoli 5 e 6 del progetto di legge a contenere la disciplina dei mercatini degli hobbisti.

L’articolo 5 li definisce come «le manifestazioni comunque denominate sulle aree pubbliche, o sulle aree private delle quali il comune abbia la disponibilità, riservate agli operatori non in possesso delle autorizzazioni per il commercio su aree pubbliche».

Secondo l’articolo 6 del pdl «i mercatini degli hobbisti costituiscono un genere diverso e distinto dai mercati e dalle fiere riservati agli operatori professionali. I mercatini degli hobbisti sono organizzati dai Comuni, che ne possono affidare a terzi la gestione, così come avviene anche per le fiere e per i mercati. Nel disciplinare i mercatini degli hobbisti, i comuni devono prevedere che la partecipazione degli hobbisti avvenga con criteri di rotazione e senza il riconoscimento di priorità ottenute per la presenza ad edizioni precedenti. I Comuni sono tenuti a redigere un elenco dei partecipanti a ciascuna manifestazione. Per prendervi parte gli hobbisti devono richiedere al proprio comune di residenza, previo pagamento di euro 200, un tesserino che consente la partecipazione a cinque manifestazioni all’anno, per un massimo di due anni nell’arco di ogni quinquennio. La Giunta regionale stabilirà le caratteristiche del tesserino identificativo e le modalità di presentazione dell’istanza per l’ottenimento del medesimo. Nei mercatini degli hobbisti possono essere venduti beni di importo inferiore a euro 250, e deve essere rispettata la normativa sull’esposizione dei prezzi al pubblico».

Secondo i Consiglieri regionali del Partito democratico Damiano Zoffoli e Paolo Lucchi: “Era necessario disciplinare questo settore per evitare fenomeni di concorrenza sleale e valorizzare questa forma di scambio, che è in crescita, accogliendo le giuste sollecitazioni pervenute dalle associazioni di rappresentanza del commercio (Confcommercio e Confesercenti). Sulla base di queste considerazioni riteniamo che i cesenati Alverio Andreoli, Presidente di Fiva-Confcommercio Emilia-Romagna e Gabriele Fantini, Presidente di Anva-Confesercenti Emilia-Romagna possano condividere lo spirito del provvedimento e partecipare, come sempre hanno fatto, con rigore ed attenzione all’iter di approvazione”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.