INFANZIA, ADOLESCENZA, FAMIGLIA

Il report dell’incontro, organizzato alla festa del PD di Urgon-Rubicone, a cui ho partecipato, domenica 31 agosto, assieme all’on. Anna Serafini, vice presidente della Commissione Bicamerale Infanzia, e a Fausto Aguzzoni, vice sindaco di Cesena.

La famiglia è in difficoltà dappertutto ma in Italia se la passa ancora peggio, complice un sistema politico arretrato e incapace di affrontare i problemi alla radice. Un quadro a tinte fosche quello disegnato domenica scorsa dall’onorevole Anna Serafini alla Festa del PD dell’Urgon a Calisese di Cesena.

Per la senatrice, vicepresidente della commissione parlamentare sull’infanzia, qualche segnale di speranza viene in ogni caso dalle Regioni: “Specie dall’Emilia-Romagna che sta varando leggi moderne per far stare al passo con i tempi la sua rete di servizi”.

E sono proprio i servizi, a livello nazionale, uno dei punti dolenti delle politiche familiari italiane. Il nostro paese non sconta solo uno dei tassi demografici più bassi al mondo, unito ad un livello di povertà minorile tra i più alti del pianeta, ma presenta anche numeri imbarazzanti sul fronte dell’occupazione femminile. Il tasso medio di occupazione delle donne italiane è attorno al 40 per cento, contro una media europea del 60 per cento e a fronte di paesi che riescono a raggiungere l’80 per cento. Dati che smentiscono il luogo comune secondo il quale in Italia si farebbero pochi figli a causa del lavoro delle donne.

“Un Paese che non si preoccupa di fare figli – ha commentato la Serafini – che non si cura della povertà minorile e delle aspettative di vita più basse è un Paese che non riuscirà a stare al passo della modernità. Oggi nel mondo ci sono miliardi di esseri umani motivatissimi a migliorare le loro condizioni di vita. La destra cavalca la paura di questa competizione, senza mettere in campo politiche efficaci in grado di dare gli strumenti giusti ai nostri ragazzi, oggi agli ultimi posti per capacità di reagire ai cambiamenti”.

Un Governo quello attuale che, per la Serafini, pensa a “ridurre le risorse per le scuole e gli insegnanti di sostegno, elargendo poi qualche bonus bebè senza curarsi della presenza di servizi dove sia possibile spenderli”.

In un mondo nel quale il cinismo e l’opportunismo sembrano essere diventati valori di riferimento, il Partito Democratico deve fare leva su di una nuova cultura politica, capace di liberare le energie migliori della società: “Nei prossimi mesi – ha concluso la Serafini – illustreremo le proposte del PD in una conferenza tematica”.

A raccogliere gli apprezzamenti della senatrice per le politiche dell’Emilia-Romagna è stato Damiano Zoffoli, presidente della Commissione Politiche Economiche della Regione: “La legge per le nuove generazioni approvata quest’estate dall’Assemblea regionale rappresenta il punto di partenza per le politiche dei prossimi anni. E’ frutto di un lungo lavoro ed il fatto che anche gran parte dell’opposizione si sia astenuta al momento della votazione testimonia l’interesse su questo tema e la centralità della questione educativa. Una legge che vuole superare gli steccati dei diversi settori, dando prospettive, un orizzonte unitario agli interventi dai 0 ai 35 anni ”.

E proprio la mancanza di prospettive sembra essere uno dei principali problemi dei giovani d’oggi: “Dopo aver vinto l’oro nella 50 chilometri di marcia a Pechino – ha aggiunto Zoffoli – Alex Schwazer ha detto “non sono felice perché ho vinto, ho vinto perché sono felice”. Quanti giovani oggi possono dire lo stesso?”.

In una Regione in cui dalla fine degli anni ’90 la natalità è in ripresa, e dove l’occupazione femminile è superiore alla media nazionale, la legge sulle nuove generazioni potrà dare un nuovo aiuto ai giovani cittadini emiliani e romagnoli: “Uno dei cardini di questo provvedimento – ha sottolineato Zoffoli – è la sussidiarietà, l’apertura a tutte le realtà della società civile ed il loro coinvolgimento. E’ stata anche definita “la legge degli oratori” perché riconosce dopo lunghi anni il ruolo di queste importantissime realtà educative, ma questa legge va ancora oltre. Il segno distintivo di questa riforma sta nel mettere il giovane al centro. Giovani non più visti come problemi da affrontare, devianza dopo devianza, ma come protagonisti attivi del loro futuro. Il fondo unico di risorse collegato alla legge, eliminando le frammentazioni per settore, servirà proprio a questo: ad aumentare la qualità dei servizi dando a tutti i giovani pari opportunità di emergere ed eccellere, rispettando le individualità di ciascuno”.

Puoi scaricare il testo della legge regionale "NORME IN MATERIA DI POLITICHE PER LE GIOVANI GENERAZIONI" cliccando qui sotto.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.