Il sostegno della Regione agli apicoltori

Le risorse agli Apicoltori dalla Regione Emilia-Romagna ammontano, per il 2008, a 400.000 euro e saranno impegnate in sei tipi di azioni: 175.681 euro per l’assistenza tecnica e la formazione professionale degli apicoltori, 101.990 euro per la razionalizzazione della transumanza, 54.000 euro per la lotta alla Varrosi, 36.000 euro a sostegno dei laboratori di analisi, 18.900 euro per il ripopolamento del patrimonio apicolo regionale.

Quasi 400mila euro per gli apicoltori dell’Emilia-Romagna. Ammontano precisamente a 397.321 euro le risorse previste per quest’anno dal Programma Regionale Triennale 2008-2010 per il miglioramento della produzione e commercializzazione dei prodotti dell’apicoltura.

L’obiettivo – ricorda Damiano Zoffoli, Presidente della Commissione Politiche Economiche – è favorire lo sviluppo e il miglioramento, anche qualitativo, dei prodotti dell’alveare su tutto il territorio regionale, nel rispetto dell’ambiente e della salute dei consumatori. Queste risorse sono un sostegno importante, soprattutto alla luce delle morie di api avvenute anche nella primavera 2008”.

In vaste aree del Paese, infatti, e più in particolare anche nella nostra Regione, si stanno registrando gravi spopolamenti degli alveari. Già nel 2007 sono andati perduti circa 200mila alveari, con un danno economico per mancata impollinazione calcolato in 250 milioni di euro e la situazione si è ulteriormente aggravata nel corso del 2008. A tal punto che la Regione Emilia-Romagna ha chiesto formalmente al Governo di procedere alla sospensione cautelativa immediata di alcuni pesticidi impiegati nella concia del mais, sospettati di essere la causa principale di tale moria.

L’Emilia-Romagna è una delle regioni italiane in cui l’apicoltura di qualità è più sviluppata. Qui operano circa 10mila apicoltori e i migliori selezionatori e allevatori di api regine.

Nella nostra regione, inoltre, hanno sede l’Istituto nazionale di apicoltura, l’Osservatorio nazionale della produzione e del mercato del miele e il CONAPI, il Consorzio Nazionale Apicoltori.

Le risorse saranno impegnate in sei tipi di azioni: 175.681 euro per l’assistenza tecnica e la formazione professionale degli apicoltori, 101.990 euro per la razionalizzazione della transumanza, 54.000 euro per la lotta alla Varrosi, 36.000 euro a sostegno dei laboratori di analisi, 18.900 euro per il ripopolamento del patrimonio apicolo regionale.

A tali contributi potranno accedere, entro 120 giorni dalla pubblicazione del bando (01/09/2008), gli apicoltori e i produttori apistici singoli, associati o riuniti in cooperativa, che hanno censito almeno 20 alveari. Per quanto riguarda le aziende, i contributi potranno arrivare fino ad un massimo del 60%.

Con questo primo stralcio del Programma Triennale – conclude Zoffoli – puntiamo a privilegiare interventi in grado di migliorare ulteriormente la professionalità degli operatori e la qualità dei prodotti, a consolidare la filiera e a sostenere i giovani”.

Le risorse sono infatti destinate in via prioritaria agli imprenditori del settore al di sotto dei 40 anni, a quanti operano seguendo il metodo biologico o di produzione integrata, per l’acquisto di arnie antivarroa e di attrezzature per il nomadismo e, infine, per coloro che producono nel rispetto delle indicazioni dei regolamenti comunitari sulle “specialità tradizionali” e sulle “denominazioni di origine”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.