Oggi è un brutto primo giorno per la scuola italiana. Anche nel cesenate iniziative contro i tagli del Ministro Gelmini

Suona la campanella negli istituti scolastici del territorio Cesenate ma, secondo i Consiglieri regionali del Partito Democratico Damiano Zoffoli e Paolo Lucchi, “oggi è un brutto primo giorno di lezioni per la scuola italiana”.

“I quotidiani ci parlano di migliaia di cattedre rese vuote da parte del Ministro Mariastella Gelmini secondo la quale il mondo scolastico va trattato come un’azienda in perdita, poichè sono le esigenze di cassa a farla da padrone. – spiegano i due Consiglieri regionali cesenati – Si vogliono ridurre di fatto il modulo scolastico sulla scuola primaria da 30 a 24 ore, tagliando più di 80mila insegnanti e lasciando a casa 40mila persone impiegate nel settore, inquadrate come personale non docente. Cosa significa tutto questo? L’incidenza di misure del genere sulle famiglie italiane sarà pesantissima e non solo dal punto di vista educativo. La scomparsa del tempo pieno e la conseguente impossibilità di lasciare i bambini in istituti scolastici qualificati nelle ore pomeridiane inciderà, anche nel cesenate, sulle possibilità occupazionali di tante mamme ed imporrà alle famiglie, già alle prese con una fase di grave difficoltà economica, di sostenere ulteriori costi”.

“Il maestro unico, che la Gelmini vuole re-introdurre, è una bella pagina della scuola italiana, ma ha fatto il suo tempo ed era stato superato proprio per i suoi limiti. Ciò che occorre – continuano Zoffoli e Lucchi – per rispondere con maggiore efficacia conoscitiva alla crescente articolazione e specializzazione delle competenze, è una pluralità concorde nella quale il singolo, come in un’orchestra, sappia costruire con coerenza il proprio contributo collegandolo ad un discorso d’insieme. La reintroduzione del maestro unico nelle aule scolastiche sarebbe una perdita dal punto di vista dei saperi e, sul piano pedagogico, rappresenterebbe un salto all’indietro”.

“È necessario far sentire la nostra voce, nel cesenate come in tutta Italia, – concludono Zoffoli e Lucchi – contro misure che vanno a colpire pesantemente tutto il settore della formazione sul quale, invece, tutto il mondo sta investendo ingenti risorse. A farne le spese, inevitabilmente, saranno le fasce più deboli, così come si rallenterà il doveroso sforzo per favorire un processo di integrazione che nella scuola deve trovare il proprio motore più importante”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.