ACHILLE ARDIGO’ – “L’unica speranza è che il laicato cattolico ricordi di possedere un mandato, lo rivendichi e lo eserciti”

(…) Non è pensabile che l’agire del credente nella società si riduca a un problema di formazione delle opinioni, di opzioni organizzative, e magari di qualche scelta utilitaristica. Anch’io temo i danni che può fare l’oltranzismo laicista alla famiglia, oggi in condizioni quasi disperate. Non provo dunque scandalo se la Chiesa testimonia la propria visione del mondo e si batte perché diventi opinione generale. Però la Chiesa è una comunità ricca di spiriti e di intelligenze, dal più remoto convento di clausura alla più piccola associazione parrocchiale. I vescovi dovrebbero avere fiducia in questo immenso patrimonio. L’unica speranza è che il laicato cattolico ricordi di possedere un mandato, lo rivendichi e lo eserciti. (…)

E’ morto nei giorni scorsi a Bologna Achille Ardigò, 87 anni, cattolico, uno dei padri fondatori della sociologia italiana. Fu molto vicino a Giuseppe Dossetti che affidò proprio a lui la preparazione del programma – il Libro bianco su Bologna – con cui si presentò alle amministrative a Bologna nel 1956. In quelle pagine stanno temi di grande importanza, come è riconosciuto ancora oggi, specie per l’idea più innovativa: la riforma dei quartieri ed il decentramento amministrativo, proposta poi raccolta e realizzata dal Pci. Negli anni ’60 è stato tra i padri fondatori della Facoltà di Scienze Politiche a Bologna e della sociologia italiana, dove ha sviluppato diversi filoni di studio: dalla modernizzazione alla stratificazione sociale, dalla famiglia al welfare state, dalla sociologia della salute al volontariato, all’uso delle nuove tecnologie per innovare servizi sanitari e sociali. Studioso, docente, “padre” di un gruppo esteso di sociologi, dunque, ma anche intellettuale impegnato in politica e nella vita della Chiesa.

In questo suo impegno militante, consapevole dell’importanza degli strumenti della “critica”, sta forse la sua testimonianza più forte per un’Italia migliore.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.