È necessario mobilitarsi contro i tagli al turismo decisi dal Governo che per i prossimi tre anni ammontano ad oltre 300 milioni di euro

di Damiano Zoffoli e Paolo Lucchi.

La conclusione di questa stagione turistica – in grado di garantire a molte delle nostre imprese i segni di una tenuta che solo qualche mese fa non pareva scontata – impone però a tutti una riflessione seria ed equilibrata sulle prospettive di uno dei motori fondamentali della nostra economia territoriale.

Non possiamo, infatti, non essere consapevoli di come oggi, più del passato, serva una forte azione in grado di ridurre il gap che – anche per cause esterne alla capacità imprenditoriale, come nel caso dell’Iva più pesante rispetto a quella dei nostri competitor francesi e spagnoli – rende all’estero le nostre offerte turistiche più “pesanti” e quindi meno attrattive.

A preoccuparci, in particolare, è la scelta di ridurre considerevolmente i finanziamenti al turismo ed alla promozione, appena attuata, tra i propri primi atti, dal Governo presieduto dall’Onorevole Silvio Berlusconi.

Questo Governo, dimostrandosi in controtendenza con il proprio programma elettorale, con quello di tutte le forze politiche, con le indicazioni degli economisti ed anche con il buonsenso, ha infatti deciso di ridurre considerevolmente i finanziamenti alla promozione turistica.

A fianco di un sensato provvedimento che tende a riorganizzare l’Enit (l’Agenzia di promozione all’estero del turismo italiano), ne è stato predisposto anche un altro (fonte “Il Sole 24 ore” del 12/09/2008) che evidenzia come per il capitolo turismo sia previsto un decremento della dotazione finanziaria di 21,5 milioni di euro nel 2009, di 25,7 milioni nel 2010 e addirittura di 45,4 milioni nel 2011. Così come le risorse dedicate specificatamente alla promozione caleranno dai 49 milioni del 2008 ai 33,2 milioni del 2009 e 2010, fino ad arrivare ad appena 27,4 milioni nel 2011. Nello stesso tempo la dote complessiva per investimenti è destinata, anch’essa, a calare dai 144 milioni del 2008 ai 68,6 milioni del 2011.

Si tratta di un taglio di oltre 300 milioni di euro nei prossimi tre anni totalmente ingiustificabile ed insopportabile.

Per questo lanciamo un appello, raccogliendo le forti preoccupazioni dei nostri imprenditori e delle loro associazioni di rappresentanza.

A tutti i parlamentari locali perché, in consonanza con il mandato affidato loro dal nostro territorio, intervengano direttamente sulla squadra di Governo, imponendo un ripensamento di questa scelta priva di qualunque logica.

Mentre, per parte nostra, da subito, chiederemo a Vasco Errani, Presidente della Regione Emilia-Romagna e della Conferenza Stato-Regioni, di porre con grande forza al tavolo delle trattative con il Governo la questione “turismo” come uno dei temi centrali per il futuro della nostra economia e per lo sviluppo del nostro Paese.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.