Moria delle api, stop agli insetticidi. Sospeso l’utilizzo, in via cautelativa, di neonicotinoidi e fipronil nella concia del mais

Il Ministero della Salute ha accolto con un decreto la richiesta dell’Emilia-Romagna e ha sospeso l’utilizzo, nella concia dei semi di mais, di alcuni insetticidi, che sarebbero responsabili della moria di api che colpisce tutta l’Italia. Gli insetticidi banditi sono i neonicotinoidi e la sostanza attiva fipronil.

“In vaste aree del Paese, infatti, e in particolare nella nostra Regione, si stanno registrando gravi spopolamenti degli alveari. Già nel 2007 – precisa Damiano Zoffoli, Presidente della Commissione Politiche Economiche – sono andati perduti circa 200mila alveari, con un danno economico per mancata impollinazione calcolato in 250 milioni di euro. A tal punto che la Regione Emilia-Romagna aveva chiesto formalmente al Governo di procedere alla sospensione cautelativa immediata di alcuni pesticidi impiegati nella concia del mais, sospettati di essere la causa principale di tale moria”.

L’Emilia-Romagna è una delle regioni italiane in cui l’apicoltura di qualità è più sviluppata: vi operano circa 10mila apicoltori e i migliori selezionatori e allevatori di api regine.

“Il decreto ministeriale – ha spiegato Zoffoli – accoglie la richiesta avanzata nel luglio scorso dall’Emilia-Romagna e fatta propria dalle altre Regioni, preoccupate per un fenomeno che nel 2008 si è ulteriormente aggravato, provocando forti danni a un comparto produttivo importante quale quello della produzione di miele, oltre che all’ambiente”.

“A questo provvedimento – prosegue Zoffoli – dovrà essere affiancata un’attività di studio e di monitoraggio per accertare, in modo chiaro ed esaustivo, l’insieme dei fenomeni che da alcuni anni provocano gravi danni al patrimonio apistico nazionale, anche allo scopo di individuare prodotti alternativi a quelli in uso e sicuramente affidabili”.

Intanto la Regione Emilia-Romagna parte con interventi specifici per il ripopolamento del patrimonio apistico regionale. Già dall’anno 2008-2009 sono previsti contributi in conto capitale, pari al 30% della spesa ammissibile, per l’acquisto di sciami e famiglie di api a favore delle aziende apistiche che, a partire dal 1 gennaio 2008, hanno denunciato alle autorità competenti, o segnalato nell’ambito dell’attività di monitoraggio, la perdita di api per presunti avvelenamenti da inquinanti ambientali, con particolare riferimento a prodotti fitosanitari.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.