QUALIT

Una serata “non a parlare di agricoltura, ma con l’agricoltura” come l’ha definita il segretario del circolo PD Cervese Nord Enzo Lattuca. L’incontro-dibattito di venerdì 19 settembre, al Circolo Fuorimano di Calabrina, ha richiamato un centinaio di persone alla prima festa del Partito Democratico del Cervese nord. Due ore sotto un tendone incuranti del freddo e della pioggia battente, nella miglior tradizione dei coltivatori diretti, per discutere di “Qualità delle produzioni e nuovi scenari di sviluppo per le aziende agricole”. Nemmeno il forfait dell’ex ministro Paolo De Castro, ora deputato alla Camera, ha preoccupato l’uditorio che ha incalzato di domande gli altri relatori dopo averli ascoltati con attenzione.

“L’agroalimentare oggi è un settore che continua a crescere – ha esordito l’Assessore Provinciale alle Politiche Agro-Alimentari Gianluca Bagnara – a dispetto della crisi economica mondiale. La provincia di Forlì-Cesena è divenuta ormai la prima del settore in regione, superando persino quella di Parma. Pur con tutti i problemi che affliggono l’agricoltura, primo tra tutti il mancato ricambio generazionale. Basti pensare che ogni anno il 6 per cento delle imprese cessa l’attività per questo e il dato si mantiene costante anno dopo anno”.

L’agricoltura è un pezzo importante dell’economia locale e, proprio per questo, dovrebbe dialogare di più con gli altri settori economici. Superando però i vecchi stereotipi: “Non si può più parlare di agricoltura in senso generale – ha proseguito Bagnara – ma dei diversi segmenti che la caratterizzano, dalle filiere corte passando per il biologico”.

Per il territorio romagnolo Bagnara ha proposto due assi di azioni utili allo sviluppo, una specializzazione dell’entroterra unita ad un’organizzazione ad ampio raggio a livello logistico. “Conosco bene il problema del ricambio generazionale in agricoltura – ha esordito il Presidente della Commissione Politiche Economiche della Regione, Damiano Zoffoli, riallacciandosi all’intervento di Bagnara – essendo il primo di cinque figli di un agricoltore. Il mondo agricolo sta cambiando e le aziende si stanno organizzando su base più ampia. Per l’Istat appena il 10 per cento di queste sono competitive nei nuovi scenari globali, il 20 per cento potrebbero esserlo mentre il restante 70 è destinato ad uscire dal mercato”.

“Il guaio è che siamo bravi a produrre – ha continuato Zoffoli – ma meno a vendere, internazionalizzare e promuovere i prodotti. Per questo il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) della Regione ha messo in campo fondi per 935 milioni di euro in sette anni, dal 2007 al 2013, che potranno diventare 1,7-1,8 miliardi di euro grazie al concorso dei capitali privati”.

I fondi del PSR saranno gestiti in larga parte dalle province, il 65 per cento contro il 30 per cento del precedente Piano, perché spiega Zoffoli: “l’ente locale è più vicino all’agricoltore e, inoltre, può coordinare questi fondi con gli altri piani: ambientale e faunistico-venatorio”.

“Stiamo ormai uscendo dalla fase in cui eravamo rimasti spiazzati dal nuovo ordine mondiale. Ora il settore è pronto a rispondere alle sfide. Seguendo tre linee d’attacco: mercato, territorio, multifunzionalità. Servono prodotti di qualità, nelle quantità giuste e nei luoghi giusti, questo è il mercato. Per farlo bisogna fare accordi con la grande distribuzione, in larga parte in mano a catene straniere. Bisogna poi far leva sulla forza produttiva e qualitativa del territorio, la prima regione per numero di prodotti certificati in Europa. Ed essere pronti a cogliere al balzo tutte le opportunità legate al mondo agricolo, dai bandi per le piccole centrali a biomasse, o biogas, passando per la filiera corta”.

Proprio sul concetto di filiera corta si è soffermato a lungo Renzo Piraccini, direttore generale di Apofruit Italia: “Sono 33 anni che lavoro in questo settore – ha esordito – e ho assistito ad almeno tre fasi. Se fino al 1990 il problema era solo quello di produrre, e bene, dai primi anni ’90 al 2005 abbiamo vissuto la stagione dei grandi surplus produttivi, con il 50 per cento degli aiuti comunitari destinati alle eccedenze e alle politiche di set-aside. Ora siamo in una fase nuova dove, rompendo le vecchie certezze, le commodities agricole costano care al pari dell’energia. E in questo scenario la Coldiretti che fa? Impegna fior d’energie nelle vendite dirette, o farmers market, che rappresenteranno si e no l’1 o il 2 per cento del mercato. E, in ogni caso, non potranno mai fare più del 5 per cento. A Cesena ci sono un sacco di piccoli negozianti di frutta e verdura che hanno riportato la licenza in Comune. Spingere così tanto sulle vendite dirette, accusando la filiera di speculare sui prezzi, può rivelarsi un boomerang quando il consumatore scoprirà che grossi risparmi non ce ne sono. Dalle rilevazioni risulta che i due terzi del prezzo della frutta sono composti dal servizio: lavorazione e trasporto. E allora? Non è forse lo stesso per il prosciutto? Questo terrorismo psicologico sui prezzi, a mio avviso, non fa altro che allontanare i consumatori dalla frutta, perché tra la gente passa l’idea che ci siano ladri e speculatori nella filiera, seminando panico nei consumi”.

La conclusione di Piraccini è uno sprone a tutti gli agricoltori: “L’asticella si è alzata di molto rispetto a 15 anni fa. Oggi non c’è strategia che tenga se l’impresa non è efficiente. Non c’è più spazio sul mercato per le piccole imprese di due o tre ettari, come si usava vent’anni fa. Specializzandosi però ce la si può fare. Venti anni fa le mele erano una rimessa netta, poi con la specializzazione e le nuove varietà queste coltivazioni sono rinate. E ora Apofruit fa 100mila quintali di mele l’anno. Se me l’avessero detto 10 anni fa non ci avrei creduto. Per questo bisogna finanziare la ricerca di varietà vegetali brevettabili. E sostenere l’anello debole della catena, le imprese agricole. Il PSR della Regione va in questa direzione e se ognuno farà la propria parte ce la potremo fare”.

Dall’onorevole Sandro Brandolini, membro della Commissione Agricoltura alla Camera, è arrivato un duro attacco alle politiche del Governo Berlusconi: “Nel documento di programmazione economica e finanziaria sono sparite tante cose e altre sono state ridimensionate. Ma dell’agroalimentare non c’è proprio traccia. Il Governo in questo non ha né una politica di sviluppo né a sostegno dei redditi . E la situazione è molto difficile per gli enti locali, che vedono ridursi i fondi. Eppure si tratta del secondo settore italiano per export, dopo il meccanico, ed è in forte crescita nonostante il calo dei consumi interni. All’appello mancano anche 130 milioni di euro per attuare i provvedimenti di sostegno previsti a suo tempo dal Governo Prodi”.

Sul fronte dei prezzi Brandolini ha citato la recente relazione dell’Antitrust: “Mettiamo che il produttore prenda 50 centesimi a pezzo e il costo finale sia di 3 euro al consumatore. Se il prezzo pagato al produttore però aumentasse a 1 euro il prezzo finale non salirebbe a 6 euro, ma a 3,50. Quindi perché per ridurre i costi si interviene sempre e solo sui coltivatori? I coltivatori devono ricontrattare per mantenere il valore aggiunto”.

“Questa sera è venuta fuori un’idea di sviluppo condivisibile – ha chiuso Damiano Zoffoli – una condivisione che è diversa dal cercar consensi per propaganda. E’ lavorare sul quotidiano, è l’umiltà di cambiare idea dopo aver ascoltato e cercato soluzioni comuni. L’opposto di quella politica usa e getta, applicata ai prodotti, alle idee e alle persone, che noi Democratici rifiutiamo”.

Puoi scaricare un documento di sintesi sulle politiche agricole della Regione Emilia-Romagna cliccando qui sotto.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.