IL PROTOCOLLO DI FORLI

In relazione al dibattito di questi giorni sulle linee guida regionali per la piena applicazione della legge 194 posto queste mie riflessioni. Mi farebbe piacere confrontarvi con voi e sapere cosa ne pensate. Potete lasciare qui sotto il vostro contributo.

L’integrazione, tra i servizi sociali e quelli sanitari, rappresenta il fondamento del Piano socio-sanitario 2008-2010 e costituisce la nuova strategia della Regione Emilia-Romagna per un ripensamento del welfare, per lavorare ad un rete integrata che metta al centro la persona e chiami all’impegno nuovi soggetti e protagonisti, per dare risposte ai tanti bisogni sociali emergenti. Se questo è vero, la scelta ovviamente deve valere anche per gli interventi a sostegno della famiglia e per le azioni svolte dai consultori familiari, in materia di promozione e tutela della maternità.

Del resto, l’art 5 della stessa legge n. 194/78 stabilisce che: “il consultorio e la struttura socio sanitaria hanno in ogni caso il compito di esaminare con la donna e con il padre del concepito […] le possibili soluzioni dei problemi proposti e di aiutarla a rimuovere le cause che la porterebbero all’interruzione della gravidanza”. Coerentemente con questa logica, la proposta di linee guida regionali per la piena applicazione della legge 194, approvata all’unanimità dalla “Cabina di regia”, ribadisce “che ci si potrà avvalere anche della collaborazione di idonee formazioni sociali di base e di associazioni di volontariato presenti sul territorio”.

L’obiettivo della Regione, quindi, è applicare al meglio la legge 194, sulla tutela sociale della maternità, sul sostegno alle maternità difficili, sulla definizione di una rete di servizi e di politiche specifiche per l’occupazione femminile, anche tramite protocolli definiti tra enti locali, aziende sanitarie e associazioni di volontariato.

Nella fattispecie, a Forlì, sulla base di questa positiva collaborazione tra pubblico e privato, è operativo da un anno un protocollo che, nel pieno rispetto della volontà della donna e del suo diritto ad una procreazione cosciente e responsabile, ha ridotto il ricorso all’aborto del 9%. Infatti in 16 mesi di applicazione, su 298 donne presentatesi al consultorio pubblico, ben 27 hanno deciso di portare a termine la gravidanza.

Questa esperienza, alla luce dei risultati ottenuti, rappresenta un ottimo esempio di integrazione tra servizi ed è evidente, perciò, che molti ne parlano a sproposito, senza conoscerla e sulla base di soli pregiudizi ideologici.

Vorrei essere chiaro: il protocollo di Forlì, a mio avviso, al pari delle esperienze di Parma e di Rimini, è la soluzione e non il problema, come qualcuno, incredibilmente, sostiene.

Obbligare infatti la donna ad abortire, spesso in solitudine, sulla base di costrizioni sociali ed economiche non rappresenta una scelta di vera libertà, ma un dramma personale e una sconfitta per l’intera società.

Ho l’impressione che talvolta la politica anziché incrociare la vita quotidiana e cogliere i sentimenti veri delle persone si smarrisca in inutili e vecchie contrapposizioni, frutto di una visione puramente consumistica ed individualistica di stampo laicista e radicale.

Il Partito Democratico invece, se vuole guardare al futuro, deve scegliere la concezione della società basata sulla persona e sulla comunità, incentrata su una laicità positiva, che è il fondamento della nostra Costituzione Repubblicana.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

2 comments to IL PROTOCOLLO DI FORLI

  • Federico Balestri

    Caro Damiano,
    suppongo tu ti riferisca principalmente alla dichiarazione di R. Giacomino (Pdci), riguardo alla “presenza” di volontari cattolici nei consultori e al “contrasto” con la 194.

    Credo sia necessario partire dall’innegabile presupposto che l’aborto, a prescindere da ideologie varie, rappresenti una sconfitta per le istituzioni e per il sistema sanitario locale.

    E’ quindi di primaria importanza sottolineare il (purtroppo ancora piccolo, ma significativo) miglioramento avvenuto a Forlì; e inoltre che non vi è assolutamente contrasto con la 194, che anzi viene applicata in maniera più corretta e completa.
    La 194 recita infatti: “il consultorio contribuisce a far superare le cause che potrebbero indurre la donna all’interruzione della gravidanza” Art.2.

    Se non sbaglio, le linee guida regionali vanno in questa direzione.

    In secondo luogo occorre precisare (e Bissoni prontamente lo ha fatto) che i volon

  • Federico Balestri

    In secondo luogo occorre precisare (e Bissoni prontamente lo ha fatto) che i volontari cattolici nei consultori sono presenti unicamente per collaborazione, e la cosa è anche abbastanza sensata, vista l’esperienza che essi possono apportare.
    Chi non volesse avere contatti con loro è ovviamente liberissimo di farlo.

    Insomma, non vedo alcuno scandalo né blitz filo-cattolico nella legge, che anzi potrà contribuire (e già a Forlì ne abbiamo segnali) a salvare vite umane.
    Scusate se è poco…