LEOPOLDO ELIA – “I confini invalicabili della nostra Costituzione”

“Si sta perdendo memoria di quel principio supremo espresso nel secondo comma dell’art. 1 della Costituzione che riguarda tutti i limiti e i confini stabiliti nel nostro ordinamento; quel principio è formulato così: La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione.”

E’ morto, nei giorni scorsi, Leopoldo Elia, Presidente emerito della Corte Costituzionale, aveva 83 anni. Leopoldo Elia è stato l’undicesimo Presidente della Corte Costituzionale, eletto giudice della Consulta nell’aprile 1976, ricevette il primo mandato da presidente il 21 settembre del 1981 e fu riconfermato nel ruolo fino al 7 maggio del 1985. Come presidente della Consulta, Elia è stato relatore di importanti sentenze tra cui alcune in materia di libertà personale e religiosa, di diritto di famiglia, di diritto sindacale, di diritto elettorale. Accanto ai numerosi incarichi in veste di giurista, Elia ha avuto anche un ruolo nella politica italiana: dopo essere stato stretto collaboratore di Aldo Moro, nel 1986 entrò nella direzione nazionale della Dc e nel 1987 è stato eletto al Senato. Il suo impegno politico è poi proseguito nel Ppi e nella Margherita, con un seggio in Parlamento fino al 2006. Nel governo Ciampi, nel 1993, è stato ministro delle riforme istituzionali. Tra gli altri incarichi ha presieduto la Commissione affari costituzionali di palazzo Madama e ha fatto parte della Bicamerale per le riforme.

E’ possibile scaricare il testo della sua ultima inedita intervista: “I CONFINI INVALICABILI DELLA NOSTRA COSTITUZIONE”, rilasciata alla rivista AREL e pubblicata su Europa di martedì 7 ottobre 2008, cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.