Rifiuti: un progetto di legge del Partito Democratico per aiutare i Comuni a ridurli e riciclarli

Zoffoli, Lucchi e Borghi: «La Regione sosterrà, con 4 milioni di euro l’anno, i progetti dei Comuni per la promozione delle raccolte differenziate». 

Dopo anni la Regione Emilia-Romagna torna ad occuparsi della gestione dei rifiuti e lo fa con il progetto di legge presentato dal Gruppo PD che detta “Disposizioni a sostegno della raccolta differenziata dei rifiuti solidi nei Comuni dell’Emilia-Romagna”, volto a modificare, aggiornandola, la L. R. n. 31 del 1996.

«L’obiettivo – spiegano i Consiglieri regionali cesenati Paolo Lucchi e Damiano Zoffoli e il bolognese Gianluca Borghi, primo firmatario del progetto di legge – è accentuare la raccolta differenziata, favorire un’operazione di condivisione culturale con i cittadini (in particolare grazie alle scuole che già stanno operando concretamente in questa direzione) e, in conseguenza di questo, provare a ridurre le tariffe grazie ai contributi che la Regione mette a disposizione dei Comuni virtuosi.

«Le buone politiche di gestione dei rifiuti avviate in questi anni – proseguono i Consiglieri regionali – stanno dando buoni risultati. Un dato su tutti: a fronte di un aumento della produzione dei rifiuti per cittadino (dai 572 kg all’anno per abitante del 1997 ai 673 del 2006, per un totale di 2 milioni 890 mila tonnellate) la raccolta differenziata è più che triplicata nello stesso periodo, salendo dall’11,7% al 36,3% (percentuale ulteriormente salita oggi sopra al 40%)».

«Negli ultimi anni – continuano Zoffoli, Lucchi e Borghi – abbiamo lavorato sviluppando sempre più soluzioni avanzate di raccolta dei rifiuti e i Comuni dell’Emilia-Romagna hanno deciso autonomamente, sostenendo spesso i costi di sperimentazione e la fatica del cambiamento, di avviare progetti di raccolta differenziata molto evoluti. Ora dobbiamo porci obiettivi ancora più ambiziosi: ridurre i rifiuti prodotti, far crescere le raccolte differenziate, sostenere i processi industriali che favoriscono riciclo e recupero, ridurre il fabbisogno energetico della nostra economia. Per questo la proposta di legge che il gruppo del PD ha presentato in Regione ha l’obiettivo di sostenere, con una dotazione annua di 4 milioni di euro, i progetti dei Comuni per la promozione delle raccolte differenziate, riconoscendo l’impegno e la capacità di coinvolgere le comunità locali».

«Con questo progetto di legge – concludono i tre Consiglieri regionali – si vuole alzare ancora più in alto l’asticella della qualità: per questo la nuova normativa prevede meccanismi premianti per i Comuni che investono sulla raccolta differenziata e che presentano progetti in tal senso».

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.