Nessuna azione punitiva contro i mercatini degli hobbisti, ma il tentativo di dare una cornice legislativa in grado di regolare questa attività

Damiano Zoffoli e Paolo Lucchi, Consiglieri regionali del Partito Democratico, intervengono così a proposito del confronto in atto con gli operatori di questo settore: «La proposta di legge regionale, la cui paternità è della Giunta si pone come obiettivo quello di dare delle regole uguali per tutti a chi svolge la propria attività nei mercatini. Esiste infatti il rischio di operatori professionali “mascherati” che prendono il posto dei veri hobbisti, e per questo s’è deciso di predisporre un iter, che è alla fase del dibattito finale e quindi dello studio delle migliori soluzioni possibili, provando a fissare alcune disposizioni».

«E’ sbagliato sostenere che si vogliano colpire coloro i quali tengono in cantina accessori o beni appartenenti al passato, e decidono poi di rimetterli in circolazione attraverso una forma di commercio che spesso si trasforma in festa, in occasione di socializzazione vivace e in vera e propria attrazione turistica. Siamo assolutamente consapevoli che questi appuntamenti sono entrati a pieno titolo nel cartellone degli eventi, grandi e piccoli, del nostro territorio – sostengono ancora Zoffoli e Lucchi – e per questo ci impegneremo affinché non solo rimangano, ma diventino sempre più occasione di svago e di divertimento. In particolare non deve sfuggire un fatto: qui si sta parlando di mercatini su suolo pubblico, che nulla hanno a che vedere con iniziative di tipo diverso – per citarne alcune – ad esempio di parrocchie e associazioni di volontariato».

«Nel percorso di confronto su questa proposta di legge c’è lo spazio per migliorare alcuni specifici punti, e per questo ci stiamo impegnando affinché il provvedimento che ne scaturirà risulti meno rigido di quanto non appaia ora su, ad esempio, il numero dei mercatini, il costo della tessera e il prezzo massimo al quale poter vendere la propria merce. Fra l’altro, contrariamente a quanto qualcuno ha ipotizzato, un emendamento che abbiamo già presentato prevede che sia consentita la presenza di parenti del titolare dell’ attività hobbistica nella piazzola» concludono i Consiglieri.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.