Bene la caccia in deroga allo storno per ridurre i danni alla nostra agricoltura

“Bene ha fatto la Giunta della Regione Emilia-Romagna a presentare ricorso al Consiglio di Stato contro la sentenza del TAR – Tribunale Amministrativo Regionale – che ha sospeso la deroga per la caccia allo storno, una specie che arreca gravi danni alla nostra agricoltura” dichiarano Damiano Zoffoli e Paolo Lucchi, Consiglieri regionali del Partito Democratico.

“La concessione della deroga, peraltro consentita dalla direttiva comunitaria, per la caccia allo storno è una pratica popolare e tradizionale per tutta la Romagna e si impone per le caratteristiche dell’agricoltura romagnola, contraddistinta dalla coltivazione intensiva di frutteti, vigneti, orti e oliveti, in cui i danni alle produzioni agricole da parte dello storno sono diffusi: quelli accertati nel 2007 sono pari a 38.091,20 euro nella Provincia di Forlì-Cesena e a 437.455,43 euro nell’intero territorio regionale. Se poi si considerano i dati degli ultimi 4 anni, dal 2004 al 2007, si rileva un aumento progressivo e consistente del costo per la collettività: parliamo, nel complesso, di ben 103.986,40 nel territorio provinciale e di 1.129.793,17 in quello regionale” specificano Zoffoli e Lucchi.

“Riteniamo, pertanto, che sospendere la caccia in deroga sia un fatto grave – sostengono i due Consiglieri – una decisione intempestiva, essendo la caccia allo storno già avviata da settembre. Si tratta di un provvedimento che rischia di azzerare senza validi motivi ogni sforzo per il mantenimento del numero degli storni sotto controllo ai fini della tutela delle coltivazioni. La Regione, nel proporre la delibera sulla caccia in deroga, ha agito con grande equilibro e responsabilità, nel segno di un’alleanza fra agricoltori, cacciatori e ambientalisti, che non può essere invocata a giorni alterni, come invece hanno fatto i proponenti del ricorso, di fronte a danni certi e documentati alle nostre colture”.

“Auspichiamo, perciò, che sia al più presto presa in considerazione l’opportunità di riproporre un atto che consenta il proseguimento degli abbattimenti di storni nel territorio romagnolo; è inoltre assolutamente indispensabile che il Governo italiano riprenda l’iniziativa, intrapresa dal precedente Ministro De Castro, di reinserire lo storno tra le specie cacciabili in Italia, senza richiederne ogni anno la deroga per il prelievo venatorio” concludono Zoffoli e Lucchi.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.