A proposito di riforma degli agriturismi – Lettera al Direttore del CORRIERE CESENATE

In merito al dibattito in corso sul testo del progetto di legge, di iniziativa della Giunta regionale, “DISCIPLINA DELL’AGRITURISMO E DELLA MULTIFUNZIONALITA’ DELLE AZIENDE AGRICOLE”, di cui sono stato nominato relatore in Aula, pubblico qui, quale contributo alla riflessione, il testo di una mia lettera che ho inviato nei giorni scorsi al Direttore del CORRIERE CESENATE. Potete lasciare i vostri suggerimenti e commenti qua sotto. Grazie!

Caro Direttore,

nel numero 40 del 10 ottobre 2008 il CORRIERE CESENATE ha dedicato il suo “primo piano” alle proposte della Giunta regionale sugli agriturismi.

Vorrei subito sgombrare il campo dalle accuse di chi sostiene che questa legge, una volta approvata, favorirà il proliferare di agriturismi in diretta concorrenza alla ristorazione tradizionale.

Giampiero Fabbri della Confesercenti cesenate sostiene che al momento ci siano 533 nuovi agriturismi iscritti all’elenco regionale, aziende pronte a entrare in attività che si aggiungeranno alle 809 strutture già esistenti in Emilia-Romagna.

Le nuove norme promosse dalla Giunta, però, prevedono un sistema di limiti e controlli più stringenti degli attuali. Così, da una stima degli uffici regionali, solo il 20-25 per cento delle attività in lista d’attesa potrebbe aprire. Si tratterebbe di un centinaio di nuovi agriturismi, che ci farebbero comunque rimanere ben lontani dai 4500 attivi nella vicina Toscana. Vero è che le due regioni, pur simili per estensione territoriale e numero d’abitanti, attraggono forme diverse di turismo. Ma noi abbiamo il dovere di muoverci per valorizzare al meglio l’offerta agrituristica.

Ed è proprio a questo che punta il provvedimento, per mezzo di una nuova alleanza tra settori diversi. Per ciò vorrei che si uscisse dalla diatriba di pura contrapposizione in atto tra le diverse associazioni di categoria, una polemica che rischia d’immiserire la nuova legge, per inquadrare il tutto in un contesto più ampio, fatto di nuove opportunità per le aziende agricole e, soprattutto, per il turismo locale. La priorità, infatti, è quella di portare più turisti nel nostro territorio aiutando al tempo stesso le imprese agricole a diversificare le proprie fonti di reddito.

In questo senso la riforma vuole far partire anche “l’ospitalità rurale familiare”, una forma di pernottamento riservata solo ad una parte del territorio regionale, quello montano o racchiuso nei confini dei parchi naturali. Qui le aziende agricole potranno istituire una sorta di agriturismo semplificato, ospitando un massimo di 9 persone nella propria casa. I pasti offerti, solo dietro pernottamento, saranno gli stessi consumati dalla famiglia dell’imprenditore agricolo. Ed il turismo sarà più legato al territorio, ai suoi ritmi e alle sue tradizioni. Una valorizzazione della cultura locale da perseguire anche con un rilancio delle fattorie didattiche, che rappresenta un altro dei punti qualificanti della legge.

Le azioni messe in campo, dunque, sono ad ampio raggio. Non limitiamoci a mettere in rapporto e in concorrenza l’agriturismo con il tradizionale ristorante.

Con le nuove norme gli agriturismi potranno offrire più pasti solo se aumenteranno il numero di camere per gli ospiti, portandole dal limite attuale di 7-8 fino a un massimo di 15, sempre che le norme urbanistiche locali lo consentano. Questo perché il vero agriturismo è fatto di pernottamento.

Non è così in Lombardia dove la legge permette addirittura 160 pasti al giorno, mentre in Emilia-Romagna sarà possibile servirne al massimo 50, spostando la base di calcolo dall’annualità alla mensilità. Si eviterà così che delle strutture possano tenere chiuso per diversi mesi per poi, alla riapertura, dedicarsi senza sosta a ricevimenti o banchetti di matrimonio. Con le nuove modalità di calcolo, dunque, i pasti offerti si riducono e possono ampliarsi solo in presenza di un aumento di camere e di ospiti.

Un’altra delle critiche piovute su questa proposta riguarda poi la composizione dei pasti. Con la legge attuale ben il 49 per cento del cibo servito negli agriturismi può venire da fuori, paradossalmente anche dalla Cina, l’11 per cento dal territorio di riferimento ed il 40 per cento direttamente dall’azienda agricola. Molti agriturismi oggi, però, hanno produzioni molto specializzate. Così le nuove norme se è vero che riducono dal 40 al 35 per cento i prodotti di produzione interna, prevedono però che l’80 per cento dei prodotti messi in tavola provenga tassativamente dal territorio dell’Emilia-Romagna. E’ normale, infatti, che un agriturismo di Rimini possa offrire ad un turista tedesco anche del Parmigiano Reggiano o dell’aceto balsamico di Modena, oltre che piadina, squacquerone e pesche di Romagna. Inoltre si sta valutando se, all’interno di questo 80 per cento, sia il caso di ripristinare una percentuale di prodotti provenienti dalla zona, la provincia di riferimento. Quello che conta comunque è l’impegno nella tutela dei prodotti tipici, fatto di allargamento del paniere e di un maggior numero di controlli.

Controlli che con l’entrata in vigore della riforma saranno ancora più stringenti, pianificati e obbligatori, a contrappeso della semplificazione e sburocratizzazione del settore.

Una commissione aperta alle associazioni di categoria, da istituire su base provinciale, raccoglierà a tal fine dati, segnalazioni e proposte per monitorare l’applicazione della riforma e l’intero settore agrituristico.

Anche sul piano urbanistico l’Emilia-Romagna è andata oltre, in senso più restrittivo, a quanto richiesto dalla legge-quadro nazionale, prevedendo che si possa esercitare l’attività agrituristica solo in edifici già esistenti all’entrata in vigore della legge. Se il Comune lo consente, al massimo si potranno ampliare eventualmente i locali esistenti. Ma non potrà più accadere che vengano costruite attrezzaie o capannoni per l’impresa agricola, magari finanziati dal Piano di sviluppo rurale, destinati a diventare in poco tempo sale da pranzo per gli ospiti dell’agriturismo.

Tutte le norme, comunque, sono perfettibili. Per questo sono convinto che nel periodo che ci separa dall’approvazione della legge non mancheranno altre sollecitazioni capaci di migliorarne l’impianto.

E’ l’occasione per un’alleanza tra turismo e agricoltura, due comparti fondamentali della nostra economia con problemi e opportunità simili, da affrontare e sviluppare insieme: innovazione e riqualificazione, rapporto qualità-prezzo, competizione internazionale e ricambio generazionale.

Questa sfida si può vincere solo mettendo al centro gli interessi dei clienti e dei turisti e non dei singoli operatori economici, siano essi agricoltori, ristoratori o commercianti.

Con amicizia,

Damiano Zoffoli

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.