Il nuovo progetto di legge sulla Sicurezza sul lavoro. La Regione Emilia-Romagna in prima linea contro le morti bianche

Un nuovo progetto di legge per combattere le morti bianche, fenomeno di cui l’Italia detiene il triste primato in Europa.

«Servono azioni concrete – dicono i consiglieri del PD Damiano Zoffoli e Paolo Lucchi – ma senza una base giuridica efficace si rischia di non riuscire ad approntare le strategie giuste».

Ecco perché la Regione Emilia-Romagna, prima in Italia, sta lavorando ad una legge che si propone, nel rispetto delle competenze regionali, di raccordare le normative in materia, agendo in un’ottica comunitaria.

«Vogliamo realizzare un sistema informativo di monitoraggio e segnalazione partendo dall’integrazione delle banche dati esistenti per supportare l’attività di promozione, prevenzione e controllo della sicurezza e regolarità del lavoro degli enti competenti, nonché l’attività del Comitato regionale di coordinamento – affermano i consiglieri Lucchi e Zoffoli».

Ma non è l’unica novità. Infatti il PdL prevede che la Regione indichi i requisiti tecnici vincolanti che i Comuni dovranno inserire nei loro Regolamenti urbanistici edilizi per garantire la sicurezza delle successive opere di manutenzione. Inoltre, oltre a prevedere attività formative e sottoscrizioni di accordi e protocolli in materia di sicurezza, verranno elaborati strumenti tecnici in grado di monitorare le presenze sui cantieri.

Infine sono previsti strumenti di incentivazione economica a favore dei committenti che affidano i lavori ad imprese o altro soggetto esecutore dei lavori che svolgano la loro attività secondo principi di responsabilità sociale.

I dati coi quali confrontarsi sono purtroppo ancora oggi drammatici: in Italia nel 2007 sono stati 1.170 i decessi per motivi di lavoro in Italia, 22 dei quali sono avvenuti in Emilia-Romagna.

«Davvero ancora troppi- sottolineano i due consiglieri- nonostante qualche risultato si cominci a raccogliere rispetto al 2006, quando i lavoratori in Regione erano il 7% in meno e gli incidenti mortali furono 11 in più».

In particolare nella provincia di Forlì-Cesena nel 2007 si sono registrati 1.297 incidenti, 3 dei quali mortali e 56 che hanno portato ad una invalidità permanente, né i dati Inail degli ultimi cinque anni mostrano che ci sia un sensibile miglioramento in materia.

«Cesena nell’ultimo anno ha sottoscritto sul tema protocolli avanzati e condivisi dal mondo del lavoro e da quello dell’impresa, in particolare grazie all’impegno costante dell’Assessore Maria Grazia Zittignani e del Sindaco Giordano Conti- continuano i due esponenti regionali del PD».

«Ma ancora la strada è lunga per dare soluzione ad un problema che è economico, se è vero che ogni infortunio ci costa quasi 1000€, ma soprattutto e prima di ogni cosa è di civiltà – ribadiscono Zoffoli e Lucchi -poiché non è possibile che in Italia, l’unico Paese al mondo in cui il lavoro è un principio fondativo costituzionale. ancora oggi di lavoro si possa morire».

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.