Politiche abitative, rivendichiamo le risorse necessarie

I Consiglieri regionali del Partito Democratico Damiano Zoffoli e Paolo Lucchi sollecitano il Governo a presentare il Piano Casa Nazionale e a sbloccare i 550 milioni stanziati nella Finanziaria Prodi.

Le politiche abitative nel territorio regionale sono state al centro della discussione in Commissione Territorio, Ambiente, Mobilità. I consiglieri del Partito democratico Damiano Zoffoli e Paolo Lucchi hanno sottolineato come «in tempi difficili di crisi il tema della casa, luogo vero degli affetti, diventi una questione sociale da affrontare con la logica di un mercato sempre più sostenibile».

«In tal senso riteniamo indispensabile che il Governo presenti il Piano Casa Nazionale, tenendo conto dell’edilizia residenziale sociale, che doveva essere emanato entro il 21 ottobre e di cui non si sa ancora nulla – sottolineano Zoffoli e Lucchi – Inoltre occorre rapidamente sbloccare i 550 milioni di euro per le politiche abitative, già stanziati nella Finanziaria Prodi, per consentire l’attuazione degli interventi già programmati e deliberati, senza perdere troppo tempo».

I Consiglieri regionali del PD mettono in luce come debba essere pienamente confermato il piano degli interventi condivisi a livello regionale e provinciale. Si tratta di circa 1.300 alloggi in Regione per un importo di 32 milioni di euro. «Non è ammissibile che si taglino fondi in corso d’opera attraverso provvedimenti unilaterali. Questo farebbe sì che si blocchi una programmazione che in Emilia-Romagna è già operativa, con l’individuazione dei Comuni interessati e delle opere finanziabili» aggiungono.

Zoffoli e Lucchi inoltre si dichiarano soddisfatti della conferma, da parte della Regione Emilia-Romagna, della «messa e disposizione di 15 milioni di euro come anticipazione dei fondi statali che consentiranno di ottenere una risposta al tema della casa e anche a quello dell’economia».

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.