Risoluzione per chiedere al Governo di salvare il Fondo Nazionale per la Famiglia e impegnare la Regione a sostenere le giovani coppie e le famiglie – 82

“Il disegno di legge del Governo Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (Legge Finanziaria 2009) – ha commentato Zoffoli – vuole portare il Fondo Nazionale per la Famiglia dai 276 milioni di euro a 186 milioni nel 2009, un taglio secco del 32 per cento. Lo stesso sottosegretario Giovanardi ha ammesso che nei prossimi anni “non sarà possibile garantire il rifinanziamento degli interventi per la riorganizzazione dei consultori familiari e per l’abbattimento dei costi per le famiglie numerose”. Ad oggi il Fondo per la Famiglia, istituito dal Governo Prodi, ha reso possibile il consolidarsi su tutto il territorio nazionale di interventi mirati di sostegno delle famiglie. Nella nostra Regione, per citare solamente le esperienze più significative, si sono realizzati in ogni distretto Protocolli d’intesa tra Consultori e Centri per le Famiglie, progetti di accompagnamento e formazione delle assistenti famigliari, sostegni economici per il pagamento di utenze e servizi a favore delle famiglie con 4 o più figli. Senza contare il bonus sulle bollette elettriche per le famiglie disagiate, introdotto dal Governo a fine 2007, grazie al quale 5 milioni di famiglie italiane potranno beneficiare di uno sconto di tra i 60 e i 135 euro, in base ai componenti del nucleo familiare”.

Critiche alla decisione del Governo sono arrivate anche dall’Associazione Nazionale Famiglie Numerose che, lo scorso 29 settembre, aveva incontrato il sottosegretario Carlo Giovanardi consegnandogli uno studio sugli interessi passivi sui mutui casa. E che hanno invece visto proporre dal Governo solamente il prestito bebè per i nuovi nati, definito “una doccia fredda”.

Un provvedimento sul quale Zoffoli rincara la dose: “La proposta governativa di un prestito bancario di 5mila euro per ogni nuovo nato, rimborsabile in 5 anni con un interesse del 4 per cento, appare oltre che poco vantaggiosa, semplicemente assurda in questo scenario economico di crescita dell’indebitamento delle famiglie (più 3 per cento sul 2007) e di pignoramenti di abitazioni”.

La Risoluzione vuole impegnare anche la Regione a proseguire nella politica di potenziamento dei servizi all’infanzia (valorizzando anche le forme di associazionismo tra le famiglie), sostenere politiche di ingresso dei giovani nel mondo del lavoro, l’accesso ad una casa per le giovani coppie e consolidare la costruzione di un nuovo welfare, che garantisca pari opportunità e diritti sostenibili, lungo l’intero ciclo di vita, a tutti i cittadini emiliani e romagnoli.

Ti invito a diffonderlo e a valutare l’opportunità di proporre un’analoga Risoluzione nel Consiglio Comunale della tua città.

Puoi scaricare il testo integrale della RISOLUZIONE cliccando qui sotto.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.