Vinto il ricorso al Consiglio di Stato, riparte la caccia in deroga

«La Regione Emilia-Romagna ha vinto il ricorso davanti al Consiglio di Stato per far ripartire la caccia in deroga, dopo il pronunciamento sfavorevole che era stato emesso dal Tar – Tribunale amministrativo regionale – che aveva sospeso la delibera» affermano Damiano Zoffoli e Paolo Lucchi, Consiglieri regionali del Partito Democratico.

«Quello del Consiglio di Stato è un pronunciamento importante che dimostra come la Regione abbia operato nel rispetto delle regole, intervenendo in modo equilibrato su specie che causano gravi danni, documentati, all’agricoltura. In particolare, per il solo storno, i danni ammontano a oltre 38mila euro nella Provincia di Forlì-Cesena, che diventano oltre 437mila su tutto il territorio regionale. Questo tipo di interventi, previsti dalla direttiva comunitaria, si impongono in modo particolare nei territori contraddistinti dalla coltivazione intensiva di frutteti, vigneti, orti e oliveti» continuano i due consiglieri.

Dopo questa decisione è probabile che la caccia in deroga possa ripartire in Emilia-Romagna già a partire dal prossimo weekend.

«Questa è una sconfitta – concludono Zoffoli e Lucchi – per chi affronta il tema di una moderna visione delle politiche faunistico-venatorie arroccandosi ancora su passate posizioni in modo puramente ideologico».

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.