Il Governo ha tagliato i soldi alle scuole paritarie. La Regione deve difenderle

La Finanziaria dello Stato per il 2009 toglie 133,4 milioni di euro al fondo per le scuole paritarie, istituito nel 2000 dal Governo D’Alema. Altri 140 milioni di euro, inoltre, sono scomparsi dai fondi già stanziati per il 2008. A rischio 996 scuole (817 dell’infanzia, 74 elementari, 42 medie, superiori) in tutta la Regione.

Un impegno preciso della Regione Emilia-Romagna contro i tagli del Governo alle scuole paritarie. Lo chiede il consigliere Damiano Zoffoli (PD) in un’interrogazione presentata alla Giunta regionale.

“Nella legge Finanziaria dello Stato per il 2009 – spiega Zoffoli – è previsto un taglio, nel fondo dedicato, di 133,4 milioni di euro, pari al 25 per cento di quanto solitamente stanziato. Taglio che arriva al 42 per cento se si considera il bilancio triennale 2009-2011. A questo si aggiunge l’improvvisa e inspiegabile non disponibilità, nell’esercizio in corso, di ulteriori 140 milioni di euro già stanziati dalla precedente Finanziaria, ossia la rata per i mesi da settembre a dicembre 2008”.

Si preannuncia, dunque, una fine d’anno di lacrime e sangue per le scuole paritarie, anticamera ad un triennio di ulteriori sacrifici. Con il rischio di ripercussioni pesanti su tutte le attività didattiche.

I tagli riguardano tanto le scuole private quanto quelle comunali, riunite dal 2000 (ai tempi del Governo D’Alema) sotto la definizione di paritarie: “La legge 62 del 10 marzo 2000 – puntualizza Zoffoli – ha previsto che le scuole private e degli enti locali siano parte integrante del sistema nazionale d’istruzione, al pari delle scuole statali. Con l’entrata in vigore della legge vennero stanziati 534 milioni di euro, un importo rinnovato di anno in anno fino ad oggi, quando la scure dei tagli governativi l’ha abbattuto del 25 per cento”.

“Quello delle scuole paritarie – continua il consigliere del Pd – è un servizio insostituibile, apprezzato da tante famiglie e rivolto a quasi un milione di studenti, che permette allo Stato un risparmio di 6 miliardi di euro all’anno. In Emilia-Romagna operano 996 scuole paritarie (817 dell’infanzia, 74 Scuole Primarie, 42 scuole secondarie di primo grado, 63 scuole secondarie di secondo grado) a cui lo Stato ha assegnato lo scorso anno scolastico 46,84 milioni di euro. Per l’anno in corso, da settembre a dicembre 2008, il taglio del Governo ai fondi delle scuole paritarie della nostra Regione è pari a circa 8 milioni di euro, con il rischio di un aumento delle rette per le famiglie, in un momento di grave difficoltà economica”.

“Per questo – conclude Zoffoli – ho interrogato la Giunta regionale per sapere quali azioni intenda mettere in atto nei confronti del Ministero della Pubblica Istruzione per ottenere l’immediato ripristino dei fondi per l’anno 2008 e l’inserimento, nel bilancio triennale dello Stato 2009-2011, di adeguate risorse per garantire, anche in Emilia-Romagna, la piena parità scolastica e il mantenimento di questo fondamentale servizio”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.