Lo Storno torni a essere una specie cacciabile

Il Consiglio di Stato ha dato ragione, in questo senso, alla Regione. Presentata una risoluzione e inviato un telegramma al Ministro Zaia. 

Una risoluzione presentata oggi all’Assemblea Legislativa della Regione Emilia-Romagna per impegnare la Giunta a “a sollecitare l’intervento del Governo presso la Commissione Europea affinché si dia pronta, definitiva e positiva risposta, con il reinserimento della specie Storno nell’elenco delle specie cacciabili”, richiesta già avanzata, in tal senso, “dal Ministro De Castro e dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome”, e inviato un telegramma all’attuale Ministro delle Politiche Agricole, onorevole Luca Zaia, per domandare un suo intervento nella medesima direzione «presso la Direzione Generale Ambiente della Commissione Europea».

E’ la richiesta dei consiglieri del Partito democratico Damiano Zoffoli e Paolo Lucchi, dopo il pronunciamento del Consiglio di Stato che ha dato ragione alla Regione Emilia- Romagna che, con delibera apposita, aveva inserito lo Storno fra le specie cacciabili in deroga.

La Risoluzione recita inoltre che “il reinserimento dello Storno fra le specie cacciabili, oltre alla finalità principale di prevenire i danni all’agricoltura, risulterebbe utile anche ai fini di limitare la pressione venatoria su altre specie di maggior pregio” e “che il prelievo venatorio della specie Storno è consentito ai sensi dell’Allegato II/2 in diversi Stati dell’Europa (Portogallo, Spagna, Francia, Grecia, Malta, Cipro e Ungheria), come ribadito recentemente dall’INFS nelle proprie Valutazioni sull’inserimento della specie Storno tra le specie cacciabili in Italia”.

“Tale selvatico si rende responsabile, in buona parte del territorio nazionale, di gravi e ricorrenti danni alle produzioni agricole di entità – si legge infatti nella risoluzione – tali da indurre le Regioni a ricorrere al prelievo in deroga di specie di avifauna protette, pur con rigorosi criteri limitativi relativi a tempi, modalità e quantitativi di prelievo, per limitare i problemi che causa agli agricoltori”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.