Sostegno alle famiglie, un impegno a cui non possiamo sottrarci, per superare la crisi

Il voto contrario di Lega, Alleanza Nazionale e Forza Italia alla richiesta del PD di ripristino del Fondo Nazionale per la famiglia mette in luce tutta l’incoerenza del centrodestra.

E’ stata approvata ieri sera, dall’Assemblea Legislativa, una risoluzione (presentata da numerosi consiglieri del Pd, primo firmatario Damiano Zoffoli) che chiede al Parlamento di ripristinare il Fondo nazionale per la Famiglia previsto per il 2009, pari a 276 milioni di euro, tagliato dalla Finanziaria.

Hanno votato contro Lega, Alleanza Nazionale e Forza Italia.

«Il voto contrario del centrodestra sul sostegno alla famiglia rivela l’incoerenza tra ciò che si predica e ciò che si fa – sottolinea il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – In questo momento di crisi la famiglia è il più importante ammortizzatore sociale perché produce capitale umano e sociale. Nella nostra Regione, per citare solamente le esperienze più significative, grazie al Fondo Nazionale si sono realizzati in ogni distretto Protocolli d’intesa tra Consultori e Centri per le Famiglie, progetti di accompagnamento e formazione delle assistenti famigliari, sostegni economici per il pagamento di utenze e servizi a favore delle famiglie con 4 o più figli. Senza contare il bonus sulle bollette elettriche per le famiglie disagiate, introdotto dal Governo Prodi a fine 2007, grazie al quale 5 milioni di famiglie italiane potranno beneficiare di uno sconto di tra i 60 e i 135 euro, in base ai componenti del nucleo familiare».

«Il documento approvato, inoltre, ricorda che i dati Istat indicano che il 26% dei nuclei familiari italiani con tre e più figli vive al di sotto dell’indice di povertà relativa. L’indebitamento delle famiglie rispetto al 2007, aggiunge, è cresciuto di oltre il 3%, e i pignoramenti di abitazioni, anche nella Provincia di Forlì-Cesena, sono in costante aumento – prosegue Zoffoli – e questo ci deve far fare delle scelte di responsabilità, al di là degli schieramenti politici».

La risoluzione invita inoltre la Giunta regionale, a partire dal preventivo 2009, a: proseguire nella politica di potenziamento dei servizi all’infanzia (anche valorizzando le forme di associazionismo familiare); sostenere politiche di ingresso dei giovani nel mondo del lavoro; favorire l’accesso alla casa per le giovani coppie. «Fondamentale, a tal fine, il finanziamento di 5 milioni di euro previsto per la Legge Norme in materia di politiche per le giovani generazioni» conclude Zoffoli.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.