Il dietrofront sulla Riforma Gelmini è una vittoria di insegnanti, studenti e genitori

Il Partito Democratico e la Regione Emilia-Romagna vigileranno perché le scuole non vengano penalizzate.

“Il rinvio di un anno (dal 2010 al 2011) della riforma delle scuole superiori è la prima vittoria concreta dei tantissimi insegnanti, studenti e genitori che, anche a Cesena, in questi mesi hanno sostenuto un serrato e duro confronto con il Governo – dichiarano i Consiglieri regionali cesenati del PD Damiano Zoffoli e Paolo Lucchi – Per fortuna il Governo ha dovuto fare marcia indietro su molti aspetti della “riforma Gelmini-Tremonti” annullando, in pratica, l’assurda scelta del maestro unico e confermando il tempo pieno di 40 ore nella scuola elementare. Resta, invece, ancora in alto mare il confronto sull’istruzione professionale”.

“Certamente si tratta di una vittoria del movimento a difesa della nostra scuola, cui hanno contribuito anche il PD e le Regioni, come l’Emilia-Romagna, che sin dall’inizio hanno deciso di contrapporsi duramente ad una riforma affossatrice dell’istruzione, che avrebbe messo a rischio il futuro di tanti insegnanti qualificati e reso i nostri giovani più deboli di fronte alle sfide che l’attuale crisi economica imporrà. Ora vi sono tempi certi per approfondire e discutere sulle scelte, sapendo però che resta sul tavolo un problema non sottovalutabile: il Governo è stato costretto a cambiare le norme, ma i tagli della Legge Finanziaria non sono cambiati. Chiediamo, quindi, riduzioni coerenti dei tagli che non potranno essere scaricati in modo orizzontale e, quindi, cieco sulle singole scuole. La Regione Emilia-Romagna vigilerà perché questo non accada” concludono Zoffoli e Lucchi.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.