Nuove interessanti opportunità in vista per le aziende agricole

Dopo aver aperto le porte delle fattorie alle scuole (fattorie didattiche) ed ai turisti (progetto di ospitalità rurale) questa volta in campagna potrebbero nascere nuovi asili. 

L’ipotesi è stata discussa in un convegno organizzato da Coldiretti a Bologna, lunedì 1 dicembre, dal titolo “Ci date asilo in fattoria?. L’idea degli “agro asili” potrebbe sembrare balzana, ma non fa altro che riprendere le consuetudini di un tempo: “Da piccolo ho vissuto direttamente l’esperienza dell’agro asilo – ha commentato il consigliere regionale Damiano Zoffoli (PD) intervenendo al convegno – come figlio di coltivatori diretti. Allora era normale che i nonni o qualche mamma badassero figli e nipoti, anche dei vicini di casa. Si tratta di recuperare una tradizione delle nostre campagne, aggiornandola al tempo presente”.

In Europa esperienze di questo genere sono attive in Olanda, Belgio e Paesi Scandinavi, mentre in Italia vengono sperimentate in Toscana. Nella nostra regione, dove il 30 per cento dei 341 comuni è sprovvisto di asilo nido, gli “agro asili” potrebbero dare una risposta concreta alle liste d’attesa. Basti pensare che, nel 2006, i bambini emiliani e romagnoli in attesa di un posto libero erano più di 6mila per i nidi e quasi 7mila e 500 per la materna.

Agli “agri asili” veri e propri potrebbero affiancarsi, nelle zone di montagna a bassa densità di popolazione, i Servizi sperimentali per l’infanzia. Asili più piccoli (fino a un massimo di 5 bambini) composti da un educatore domiciliare, sulla falsariga dell’ospitalità rurale prevista dalla legge di riforma degli agriturismi.

“Nell’ultimo anno sono nati 1050 bambini in più in regione – ha spiegato Zoffoli – e la popolazione sotto i 4 anni ha superato la soglia di 200mila. Dati che smentiscono il luogo comune secondo il quale la donna che lavora fa meno figli. C’è bisogno però di più servizi e di sfruttare meglio le potenzialità di quelli esistenti. Così abbiamo costituito un gruppo di lavoro prendendoci l’impegno di modificare il Piano di sviluppo rurale, inserendovi una misura ad hoc su questi temi. Non potremo farlo in tempi brevi, i cambiamenti al Psr devono essere validati a livello europeo, ma contiamo di completare le modifiche prima dell’uscita del secondo bando sulla multifunzionalità in agricoltura, prevista tra un anno”.

Il Psr è in vigore dal 2007, ma la sua concezione risale a due anni prima e in questi tre anni ci sono state novità di cui tenere conto. Prima tra tutte una nuova attenzione sull’agricoltura sociale, termine che non comprende solo gli asili in fattoria ma anche esperienze di coinvolgimento attivo dei disabili o di recupero dalla tossicodipendenza, come San Patrignano o Sadurano.

“Oggi più di ieri – ha concluso Zoffoli – si avverte l’esigenza di produrre ricchezza per ridistribuirla. Per evitare però approcci di tipo assistenzialista bisogna valorizzare le energie che ci sono, coinvolgendo direttamente i soggetti deboli nella creazione della ricchezza. L’assistenzialismo si supera con la valorizzazione delle persone in campo e in questo senso l’agricoltura sociale avrà in futuro un ruolo sempre più importante”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.