La Regione ha chiesto lo stato di calamità naturale per la costa e sta predisponendo un piano di intervento

Il Presidente della Regione Emilia-Romagna, Vasco Errani, dopo l’ultima ondata di maltempo, ha chiesto lo stato di calamità naturale per tutto il territorio regionale, per un ammontare di circa 40 milioni di euro di danni. Di questi, almeno una decina per il tratto di costa più colpito dalle mareggiate, che va dai Lidi ferraresi a Cesenatico.

Solo in quest’ultima cittadina, infatti, da una prima stima, si calcola che la furia del mare abbia eroso circa 100.000 metri cubi di sabbia, con danni che ammontano a circa 1 milione di euro. In particolare, nei primi giorni di dicembre si è verificato un fenomeno estremo di acqua alta: 1,56 metri, con tempo di ritorno stimabile in 25 anni; solo la concomitanza di un moto ondoso non eccessivamente forte ha evitato a Cesenatico danni ancora più ingenti.

È pertanto indispensabile un intervento straordinario per garantire la stagione estiva 2009. Il Comune si sta adoperando per rifare le dune, ma non può essere lasciato solo. La Regione Emilia-Romagna è già al lavoro per predisporre un altro Progettone, il terzo, con apporti massicci di sabbia prelevata dai depositi sottomarini e pompata sulla battigia per tutelare il nostro turismo e i centri abitati interessati dall’ingressione marina.

In particolare, per la zona di Valverde di Cesenatico, è necessario eliminare i pennelli perpendicolari alla battigia, che sono la causa principale della strozzatura delle correnti da sud a nord, utilizzando i massi recuperati per consolidare le difese a mare, indebolite dalle mareggiate.

Su questo ultimo intervento una conferma: il progetto è già stato appaltato, è in fase di avvio e sarà portato a termine la prossima primavera.

Damiano Zoffoli e Paolo Lucchi, Consiglieri Regionali (PD)

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.