Assunti a tempo indeterminato: giovani precari, disoccupati di lunga durata, genitori soli con figli, persone svantaggiate. 186 le stabilizzazioni a Forlì-Cesena

In Emilia-Romagna sono 1.553 le nuove assunzioni di lavoratori a tempo indeterminato grazie agli incentivi, pari a circa 13 milioni di euro, messi a disposizione della Regione per favorire la stabilizzazione di precari, disoccupati di lunga durata, genitori soli con figli a carico, persone svantaggiate.

In particolare le aziende della Provincia di Forlì-Cesena hanno presentato 141 domande di contributo per l’assunzione di disoccupati di lunga durata e precari e 45 richieste per l’assunzione di genitori soli con figli e di persone svantaggiate e di questi sono 33 i lavoratori già inseriti nei percorsi formativi. Entro gennaio la Provincia verificherà i requisiti e l’ammissibilità delle domande, prima di erogare gli incentivi alle aziende” dichiara Damiano Zoffoli, Presidente della Commissione Politiche Economiche della Regione Emilia-Romagna.

“Ci troviamo in un momento critico per l’occupazione. La crisi sta investendo anche il nostro territorio e ci siamo attivati per dare un impulso alla stabilizzazione dei giovani precari e garantire i soggetti appartenenti alle fasce più deboli del mercato del lavoro. La Regione ha infatti messo a disposizione nei mesi scorsi 8 milioni di euro di contributi alle imprese per incentivare l’assunzione dei disoccupati di lunga durata, cioè senza occupazione da almeno 12 mesi, e dei precari che abbiano percepito meno di 35 mila euro lordi negli ultimi due anni pur avendo lavorato per almeno 18 mesi e con contratti diversi dal rapporto di lavoro a tempo indeterminato” continua il Consigliere Zoffoli.

L’incentivo per le aziende che hanno assunto a tempo indeterminato da queste due categorie, sarà pari al 10% della retribuzione lorda annua del lavoratore; una percentuale che sale al 20% se si assume una donna o un ultracinquantenne. L’ammontare del contributo, comunque, non può superare i 5 mila euro.

Per i genitori soli e disoccupati svantaggiati, invece, l’Emilia-Romagna ha messo a disposizione complessivamente 4 milioni e 960 mila euro. Le aziende che hanno assunto questi lavoratori potranno beneficiare di un contributo pari al 20% della loro retribuzione lorda annuale, fino a un massimo di 5 mila euro.

“In un mercato del lavoro sempre più flessibile è indispensabile predisporre percorsi di formazione permanente per permettere, a chi rimane senza lavoro, a causa della crisi o dei processi di riorganizzazione aziendale, di rientrare più facilmente nel processo produttivo. A tal fine, oltre all’incentivo per le aziende, lo stesso lavoratore potrà usufruire di assegni formativi individuali, fino a un massimo di 5 mila euro. Inoltre, per consentirgli di frequentare la formazione, è stato previsto un sostegno al reddito di 450 euro al mese, per un massimo di 5 mesi, un’indennità rapportata a quella della disoccupazione ordinaria” conclude Zoffoli.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.