35mila euro dalla Regione per rendere più autonomi i ragazzi emofiliaci e talassemici

La Regione Emilia-Romagna finanzierà il progetto dell’Ausl di Cesena per soggiorni estivi per bambini e adolescenti affetti da emofilia e talassemia.

La talassemia è una malattia che comporta l’anemia, un difetto di trasporto dell’ossigeno nel sangue, e colpisce all’incirca 7mila pazienti in Italia. L’emofilia, invece, è una malattia ereditaria che, a causa della mancanza di certe proteine nel plasma, impedisce la coagulazione nel sangue.

I talassemici e gli emofilici, dunque, devono stare molto attenti al loro stile di vita. Ma non per questo debbono vivere sotto una campana di vetro, specie se bambini. Così da qualche anno l’Associazione Emofilici e Talassemici “V. Russo Serdoz” di Ravenna, assieme ai medici del Centro Emofilia di Cesena, hanno cominciato a proporre centri estivi per i malati più piccoli. Un modo efficace per insegnare ai bambini e agli adolescenti ad autogestirsi sia nello stile di vita che nella somministrazione della terapia specifica.

L’iniziativa, da quest’anno, sarà sostenuta dalla Regione Emilia-Romagna con un finanziamento di 35mila euro.

“Il progetto – spiega Damiano Zoffoli, presidente della Commissione Politiche Economiche all’Assemblea Legislativa – prevede di portare i ragazzi dai 10 ai 15 anni al di fuori dell’ambito familiare dando loro la possibilità di vivere con altri ragazzi affetti dalla medesima patologia. In questo modo, affrancandosi da quella costrizione alla loro libertà dovuta all’eccessiva protezione, possono vivere una vita quasi del tutto normale imparando a gestire le proprie cure”.

Il sostegno economico della Regione è dovuto anche al fatto che a Cesena, da anni, è attivo presso il Servizio di Medicina Trasfusionale della Ausl il Laboratorio di secondo livello per lo studio delle Coagulopatie Congenite ed Acquisite.

Al Laboratorio, che opera in collegamento con i principali Centri della Coagulazione nazionali ed è sede anche del Centro Emofilia, affluiscono numerosi pazienti da tutta la cosiddetta “Area vasta” delle Ausl romagnole, risultando un vero proprio punto di eccellenza della sanità cesenate.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.