Salviamo il dialetto prima che scompaia

Un finanziamento a sostegno del dialetto, per non far scomparire un pezzo importante della cultura locale. Lo ha chiesto alla Giunta regionale Damiano Zoffoli, assieme ad altri Consiglieri, con un Ordine del giorno approvato dall’Assemblea legislativa nell’ultima seduta di dicembre. 

Delle vere e proprie lingue, fatte di cultura, tradizioni ed espressioni frutto dell’esperienza di intere generazioni. Si tratta dei dialetti, linguaggi guardati con sospetto fino a qualche decennio fa ma dal valore sociale e culturale inestimabile.

Già da qualche anno in Emilia-Romagna c’è una legge che li tutela. Un provvedimento importante che, però, ha bisogno di fondi per camminare.

“La crescente attenzione nei confronti del dialetto è un fatto molto positivo – ha commentato Damiano Zoffoli, Consigliere regionale Pd – ma non basta. Ogni qualvolta un anziano ci lascia, infatti, perdiamo un pezzo insostituibile della nostra tradizione orale. Per questo bisogna finanziare al più presto la legge regionale 45 del 1994, per la tutela e valorizzazione dei dialetti. Con altri consiglieri ho sostenuto un ordine del giorno all’Assemblea regionale, che è stato condiviso ed approvato nell’ultima seduta di dicembre”.

L’Ordine del giorno, che non ha registrato voti contrari (astenuti Fi-Pdl, Udc e Sd), impegna la Giunta ad una rapida attuazione della legge regionale 45/94, finanziando a questo scopo l’Istituto per i beni artistici, culturali e naturali (Ibacn).

L’Istituto potrà disporre studi e ricerche sul dialetto, realizzare sussidi ed iniziative scolastiche, così come eventi, convegni, spettacoli e seminari d’approfondimento.

Nella stessa seduta l’Assemblea ha approvato il bilancio 2009 dell’Ibacn, pari a 4 milioni di euro, metà dei quali destinati agli investimenti.

Le attività di tutela e valorizzazione dei dialetti, però, dovranno essere finanziate con altri provvedimenti. “Tra le province di Forlì-Cesena, Ravenna e Rimini – specifica Zoffoli – esiste anche una convenzione, firmata cinque anni fa, per la tutela e la valorizzazione del dialetto romagnolo che si rifà alla legge regionale del ’94. Bisogna partire dagli strumenti già esistenti, come questi, con finanziamenti che li rendano finalmente in grado di camminare. Il dialetto non rappresenta più, come decenni addietro, un ostacolo alla conoscenza della lingua italiana o di divisione di classe. Al contrario, la sua riscoperta può costituire oggi un arricchimento culturale e sociale per tutti”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.