“QUANDO C’È UNA CRISI È TERRIBILE SPRECARLA”

Questa frase dell’economista americano Paul Romer, contenuta nel biglietto di auguri natalizi che ho ricevuto dal sen. Francesco Rutelli, mi spinge a fare qualche riflessione: sono proprio i momenti difficili, infatti, a reclamare una funzione alta della politica.

Penso che l’arrivo della crisi, con le sue conseguenze sul piano dell’occupazione e del destino di tante piccole e medie imprese, ci permetta e, al contempo, ci imponga di innovare e ridefinire le nostre proposte, il nostro orizzonte e la nostra strategia.

Dire che quello che c’era prima non ci piaceva, non basta più: è giunta l’ora, anche per il Partito Democratico, di indicare con chiarezza la nuova rotta.

A noi serve una Politica, non letture politiciste di quel che sta avvenendo e di quel che dovremmo fare.

Ti sottopongo, pertanto, alcune prime proposte, frutto del confronto in atto tra gli amministratori del PD delle Regioni del Nord, da cui partire per individuare una soluzione concreta alla crisi attuale e costruire una nuova prospettiva di crescita e di sviluppo.

• L’anticipo del federalismo attraverso il riconoscimento ai Comuni di una quota di Irpef o di Iva, in attesa dell’entrata in vigore della riforma complessiva del titolo V;

• Lo scorporo del Patto di Stabilità interno delle spese per investimenti degli Enti Locali per rilanciare, oltre alle Grandi Opere, anche i cantieri promossi dai territori;

• Finanziamenti del Ministero del Welfare per la sperimentazione, nelle nostre regioni, del Sussidio Unico di Disoccupazione di tipo europeo per la protezione dei lavoratori precari e non garantiti. Massima territorializzazione degli interventi di sostegno al welfare;

• L’aumento fino a 500 euro delle detrazioni fiscali per lavoratori e pensionati e l’istituzione della “dote per i figli”;

• La sospensione delle rate di mutuo per chi ha perso il lavoro e il blocco degli aumenti dei canoni d’affitto introducendo anche un intervento diretto a sostegno degli inquilini;

• Un programma di riconversione ecologica del 100% dei mezzi su gomma del trasporto pubblico locale e di quelli in dotazione alle amministrazioni locali;

• L’attivazione di un robusto programma di sviluppo delle energie rinnovabili e dell’efficienza energetica rivolto alle imprese e alle famiglie, a partire da un piano straordinario di investimenti per l’efficienza energetica di tutti gli edifici pubblici;

• La deducibilità integrale degli interessi passivi per le imprese che sostengono spese per investimenti in beni strumentali nuovi e un ulteriore sostegno finanziario per la rapida patrimonializzazione dei Confidi per le piccole e medie imprese.

Queste sono alcune prime proposte. Mi piacerebbe svilupparle assieme. Fammi sapere cosa ne pensi. Puoi scrivermi una mail, scrivere un post qua sotto o lasciare un messaggio nella mia bacheca facebook!

Damiano Zoffoli

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

2 comments to “QUANDO C’È UNA CRISI È TERRIBILE SPRECARLA”

  • Francesco Michelacci

    Caro Zoffoli, basterebbe che politica e burocrazia facessero bene il proprio lavoro.
    Da cinque anni sto tentando di fare un piccolo investimento sul nostro territorio di romagna, di spendere soldi miei rischiando in proprio per attuare un’idea ad impatto ambientale nullo, ma sto lottando come don Chisciotte contro i mulini a vento…

  • Ovviamente non so a cosa ti riferisce nello specifio, ma la premessa è assolutamente condivisibile.