Meno consorzi ma più bonifica. Tutelare quanto di buono è stato fatto fino ad ora

La Giunta della Regione Emilia-Romagna ha licenziato, nei giorni scorsi, il progetto di legge “Ridelimitazione dei Comprensori di bonifica e riordino dei Consorzi” continuando in modo serio quel processo di autoriforma volto alla crescita dell’efficacia delle politiche pubbliche, dell’efficienza dell’azione amministrativa e della riduzione dei relativi oneri organizzativi.

I Consorzi di Bonifica dell’Emilia-Romagna scenderanno da 16 a 8, mentre gli attuali confini verranno ridefiniti per renderli il più aderenti possibile a quelli dei bacini idrografici.

“Condividiamo la scelta della Giunta e le motivazioni che ne stanno all’origine – dichiarano Damiano Zoffoli e Paolo Lucchi, Consiglieri regionali del Partito Democratico – che permetterà di aumentare l’efficacia operativa dei Consorzi e, allo stesso tempo, comporterà una riduzione dei costi di gestione, consentendo, a regime, di utilizzare i risparmi per soddisfare le più urgenti esigenze del territorio”.

Il percorso fin qui intrapreso ha già ottenuto l’ok del mondo agricolo e delle altre categorie produttive (Tavolo dell’imprenditoria e Confindustria) ed è stato salutato positivamente da Massimo Gargano, presidente dell’Associazione nazionale dei Consorzi, che ha parlato di “percorso da assumere come modello per altre regioni”. Positivo anche il giudizio di Emilio Bertolini, presidente dell’Unione Consorzi regionali: “Bene i nuovi confini che ridisegnano entità idrografiche e idrauliche omogenee e bene la governance collegiale confermata per il periodo transitorio”.

“Il riordino dei Consorzi è solo il primo capitolo di quella riforma generale della bonifica che dovrebbe essere approvata entro l’anno – continuano Zoffoli e Lucchi – La Regione continuerà a investire sul capitolo “Bonifica”, che significa manutenzione del territorio, difesa idraulica, irrigazione e che in Emilia-Romagna vuol dire 20.000 km di canali, 500 impianti di sollevamento delle acque, un milione di ettari tenuti all’asciutto”.

“Il riordino – concludono Zoffoli e Lucchi – è un’occasione per rafforzare il nostro sistema di bonifica locale, rispettando operatività e l’efficienza dei Consorzi, che sono realtà operative fortemente presenti e radicate sul territorio. Comprendiamo perfettamente le osservazioni presentate nei giorni scorsi alla stampa locale da Primo Casadei, presidente del Consorzio cesenate, anche se riteniamo che i suoi dubbi ed i suoi timori, così come ben messo in luce dall’Associazione nazionale dei Consorzi di bonifica, saranno fugati già nelle prossime settimane. Infatti, la nuova suddivisione e’ un punto di buon equilibrio e il riordino e’ un’occasione per rafforzare il nostro sistema di bonifica locale in una logica di competitività, indispensabile anche per favorire i cittadini, che in ogni occasione devono essere il riferimento di legislatori pro tempore come i Consiglieri regionali. In ogni caso, sin da ora ci rendiamo garanti di un confronto sulla riforma dei Consorzi di bonifica, che non retroceda rispetto alla necessità di preservare quanto di buono è stato fatto e si sta facendo in quello cesenate”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.