DON LUIGI STURZO – “Appello agli uomini liberi e forti”

“A tutti gli uomini liberi e forti, che in questa grave ora sentono alto il dovere di cooperare ai fini superiori della Patria, senza pregiudizi né preconcetti, facciamo appello perché uniti insieme propugnano nella loro interezza gli ideali di giustizia e libertà.”

Novanta anni fa, il 18 gennaio 1919, la Commissione provvisoria del Partito Popolare Italiano, fondato e guidato da Don Luigi Sturzo, lanciava l’Appello agli uomini liberi e forti, segnando la nascita Partito Popolare Italiano.

Era la prima volta che il movimento cattolico italiano si rivolgeva non solo alla Chiesa ed ai fedeli ma più genericamente ai liberi, intendendo con questa espressione tutto il Paese. Si poneva di fatto fine al “non expedit”, con l’ingresso dei cattolici nella vita politica attraverso un partito che si dichiarava laico e aconfessionale, democratico e costituzionale, di ispirazione cristiana.

Venivano fissati alcuni punti fondamentali rispetto alla fedeltà alla Chiesa, alla responsabilità coscienziosa e personale dell’azione civica, all’autonomia di elaborazione e partecipazione. Una precisa scelta, quella della piena autonomia dall’autorità ecclesiastica e della rinuncia a fregiare il partito del titolo di cattolico, per porsi con gli altri partiti sul comune terreno della vita civile.

La novità di Sturzo e del popolarismo è stata di riportare all’interno della società civile esigenze di libertà e di solidarietà che erano del mondo cattolico ma che egli riteneva dovessero e potessero divenire criteri anche di una politica democratica moderna, pensiero, questo, quanto mai attuale in momenti in cui una violenta crisi economica ci costringe a ripensare a stili di vita e comportamenti individualistici quotidiani.

Il sacerdote di Caltagirone poneva questioni fondamentali, che rimangono di stretta attualità: dal ruolo dello Stato, con attenzione alle autonomie locali, al tema della pace e del disarmo, dalla centralità delle formazioni intermedie come la famiglia, alla libertà di insegnamento, fino alla coniugazione fra istanze sociali, esigenze dei lavoratori, spirito cristiano e libertà.

Ecco perché l’Appello può ancora essere motivo di riflessione per tutti noi. Certo vanno tenute presenti le differenze tra il nostro tempo e quello di allora, ma vi sono elementi di fondo che permangono e che possono ancora illuminare il nostro impegno politico.

E’ possibile scaricare il testo integrale dell’APPELLO cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.