La Regione blocca i rincari dei prezzi dei prodotti alimentari

«Importante intesa con le associazioni di categoria, a favore dei consumatori. Siamo pronti a lavorare alla definizione di un accordo per un piano di sconti da far partire a Forlì e Cesena». 

Il tema dei rincari degli alimentari era stato affrontato, lo scorso mese di dicembre, dai Consiglieri Regionali del PD Damiano Zoffoli e Paolo Lucchi a Cesena, a un tavolo convocato dall’assessore alle Attività Produttive del Comune di Cesena Leonardo Belli, al quale avevano preso parte sindacati, associazioni di categoria, commercianti, consumatori, artigiani. Zoffoli e Lucchi si erano impegnati a farsi portatori delle richieste dei moltissimi che sollecitavano misure in grado di contenere la corsa dei prezzi, soprattutto per i beni di prima necessità, avviando un tavolo di concertazione regionale.

A distanza di un mese la Regione Emilia-Romagna ha già dato una importante risposta alla sollecitazione: si chiama “Spendo meno” e raccoglie un pacchetto di iniziative per bloccare il prezzo di alcuni prodotti e per ridurlo nella quarta settimana del mese. Prezzi bloccati e sconti si applicheranno in particolare a prodotti tipici locali e prodotti di stagione; una soluzione che ha convinto anche le associazioni di categoria, che hanno aderito in massa: Confcommercio, Confesercenti, Federcarni, Fedagromercati-Acmo, associazione panificatori di Bologna, Accda, Ancd-Conad, Cna e Confartigianato.

«Si tratta di una importante risposta alla crisi economica con la quale le famiglie devono fare i conti tutti i giorni, ma in particolare a partire dalla terza settimana del mese in poi – affermano Zoffoli e Lucchi – I soggetti che si sono seduti al tavolo con la Regione, rappresentata dall’assessore Guido Pasi, sono diversi e molto rappresentativi, per cui ci attendiamo che nel cesenate l’adesione all’iniziativa sia alta e siamo pronti a nuovi incontri per concertare sul territorio l’applicazione del provvedimento siglato a Bologna nei giorni scorsi».

“Spendo meno” prevede interventi su carne e prodotti di macelleria, pane e prodotti da forno, ma anche ortofrutta, caffé e cappuccini. I bar e i forni aderenti all’iniziativa bloccheranno i prezzi (mantenendo il listino del novembre 2008) rispettivamente fino al 30 giugno 2009 e fino al 30 aprile 2009. Con il progetto “Spesa amica”, invece, le macellerie si impegnano a vendere, almeno nell’ultima settimana del mese, un pacco di prodotti a un costo massimo di 10-15 euro, con uno sconto minimo del 10% sul normale prezzo di vendita. Chi acquista il pacco “Spesa amica” riceverà in omaggio un ricettario o opuscoli con consigli utili su come conservare e cucinare la carne. Sempre nelle macellerie parte anche l’iniziativa “Carni in tavola”: uno sconto dal 10 al 20% su uno o più tipi di carne fra pollo, tacchino, bovino e suino, nella quarta settimana del mese. I commercianti dell’ortofrutticolo, sceglieranno due prodotti di stagione su cui mantenere un prezzo fisso per almeno un mese. Le promozioni continueranno per tutto il 2009. «Dopo l’iniziativa “Un chilo di pane a un euro” a Bologna è già decollato un piano di sconti su diversi prodotti da forno con sconti sino al 20% – proseguono Zoffoli e Lucchi – Un’idea analoga può trovare applicazione anche nel nostro territorio, ragion per cui auspichiamo la riconvocazione del tavolo di dicembre per dare attuazione a questo accordo».

«E’ molto importante che al confronto con la Regione Emilia-Romagna si sia trovato un accordo che include tutti: dalla grande distribuzione ai commercianti al dettaglio e i margini perché questa iniziativa riesca ci sono tutti. Abbiamo allargato il paniere dei prodotti ad alcuni prodotti molto significativi, oltre al pane, come la carne, l’ortofrutta, i consumi al bar che fanno parte della vita quotidiana. Abbiamo inoltre allargato la platea di coloro che hanno aderito comprendendo anche l’artigianato, il commercio e le categorie dei dettaglianti, oltre alla grande distribuzione organizzata. Si tratta di un passo avanti importante: in un momento di grande difficoltà, in cui diminuisce la capacità di spesa anche sugli alimentari e andiamo incontro ad una fase di crisi molto seria con conseguenze pesanti sul piano sociale, il nostro obiettivo è quello di cercare di favorire gli acquisti e quindi di tutelare il consumo sul versante dei beni essenziali dell’alimentazione. – concludono i consiglieri del Partito Democratico – L’attenzione ai consumatori e ai bisogni delle famiglie è infatti una delle nostre priorità e su questo intendiamo continuare ad impegnarci».

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.