Al via in Emilia-Romagna gli Albi comunali dei mercati storici e delle botteghe storiche

«Un passo importante per la valorizzazione delle tipicità del territorio, anche in provincia di Forlì e Cesena». 

La Giunta Regionale dell’Emilia-Romagna ha deliberato il via agli Albi comunali dei mercati storici e delle botteghe storiche, fissando le modalità di gestione. Gli Albi sono pubblici, e i Comuni provvederanno ad iscrivervi gli esercizi commerciali e le attività previsti dalla normativa, una volta che i gestori ne avranno fatto richiesta.

Chiunque abbia presentato domanda e non abbia ricevuto il diniego entro novanta giorni è da considerarsi iscritto all’Albo dei mercati storici e delle botteghe storiche. Vengono creati anche due marchi ad hoc (allegati alle pagine 3-4 del presente comunicato), che potranno essere esposti nei locali che ne hanno diritto e che potranno essere utilizzati nel materiale promozionale, pubblicitario e di comunicazione.

Soddisfazione è stata espressa dal Presidente della Commissione Politiche Economiche Damiano Zoffoli e dal relatore della legge Paolo Lucchi: «La legge ha recepito suggerimenti emersi nel territorio di Forlì e Cesena – hanno spiegato i consiglieri del Partito Democratico – In particolare nel testo di legge è stata inserita una modifica che pone un termine di novanta giorni entro i quali l’Amministrazione comunale deve rispondere all’interessato relativamente a progetti di restauro e ristrutturazione di negozi e locali. Si tratta di un’aggiunta importante, che risponde ad un’esigenza di certezza dei tempi espressa dagli esercenti».

«Mercati e botteghe storiche rappresentano una tipicità del nostro territorio – proseguono Zoffoli e Lucchi – Per promuovere la loro tutela, la legge crea un circuito regionale identificabile, in grado di attribuire valore aggiunto all’attrattività turistica della nostra Regione e della provincia di Forlì e Cesena, ma anche di essere scelto come elemento prioritario nella destinazione dei fondi regionali per il commercio».

La legge approvata dalla Regione Emilia-Romagna nei mesi scorsi mira a promuovere e valorizzare le “botteghe storiche”, ossia le attività commerciali e artigianali che hanno almeno 50 anni di vita (almeno 25 se si tratta di osterie) e sono dotate di interesse storico, artistico, architettonico e ambientale.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.