Mantenere in vita la speranza

Care Amiche e Cari Amici,

la tragica vicenda di Eluana Englaro ci ha posto in maniera drammatica il delicato tema del mistero della vita e della sua fine.

La mancanza di un confronto pacato e rispettoso tra tutti, laici credenti e non credenti, ha alimentato un accanimento mediatico che ha spaccato il Paese, separando libertà e responsabilità, con il rischio di un pericoloso bipolarismo etico.

Eluana è finita nel tritacarne della giustizia, Tar compreso, e la politica di fronte alle nuove ed inedite sfide della scienza e della tecnica non ha voluto o non ha saputo indicare le ragioni del bene comune. In questo doloroso accadimento mi è sembrato incomprensibile ed assurdo che la Costituzione della Repubblica sia diventata una pietra di inciampo anziché la pietra angolare su cui costruire l’unità e il futuro del Paese.

I padri costituenti, in un periodo non meno difficile della nostra storia, seppero infatti trovare le ragioni di un dialogo vero e di una sintesi alta fra storie, culture e tradizioni diverse, ancor oggi attuale e da cui trarre insegnamento.

C’è bisogno, perciò, di una legge sul “fine vita” oltre che di una altrettanto buona legge sulle “cure palliative”. Leggi ampiamente condivise, che coniughino rispetto della vita e libertà della persona, nella responsabilità che non confonde i desideri con i diritti.

Personalmente ritengo che la morte, ricercata o indotta, non sia la risposta al dramma del dolore, della sofferenza, e della solitudine. E, allo stesso modo, credo che l’idratazione e l’alimentazione non possano essere considerati accanimento terapeutico, ma sostegno vitale da garantire a tutti. La costruzione della città dell’uomo a misura d’uomo parte proprio dal rispetto dei più deboli, delle persone malate ed indifese.

Infatti senza speranza una società muore, e la politica ha proprio il compito di mantenere in vita la speranza!

Damiano Zoffoli

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to Mantenere in vita la speranza

  • Francesco Michelacci

    Insomma, Lei Zoffoli sostiene che se qualcuno impossibilitato a nutrirsi da solo e condannato ad una vita di sofferenza come quella della sfortunata Eluana, che chieda di non essere piu’ nurtito artificilamente, non vada accontentato. Francamente la cosa mi sembra disumana, e’ come condannare un innocente all’ ergastolo.
    Posso capire i dubbi riguardanti le persone incoscienti, per loro non cambia molto( ma per le famiglie si’).
    Ma un tetraplegico cosciente, un condannato suo malgrado allo scandire delle ore e dei giorni in un letto senza possibilita’ d’interazione alcuna, non potra’ avere la possibilita’ di scegliere se continuare ad accollarsi il peso di una tale sofferenza o meno? Mah!