Partecipa.Rete arriva a Forlì. I ragazzi chiedono ascolto e risposte concrete

Si è svolta ieri pomeriggio a Forlì la seconda plenaria provinciale tra i ragazzi e i rappresentanti istituzionali del loro territorio.

I ragazzi dei CCR e delle Consulte giovanili hanno incontrato gli amministratori locali e i Consiglieri regionali del territorio: Damiano Zoffoli, Antonio Nervegna e la Presidente dell’Assemblea Legislativa Monica Donini.

Ascoltare attentamente i bambini e i ragazzi rappresenta un buon esercizio di democrazia”. Questo lo slogan con il quale i ragazzi hanno scelto di dare il via all’incontro, che li ha visti esporre i frutti di un corposo lavoro di sintesi e confronto reciproco dedicato al tema del diritto all’ascolto come principale presupposto a una attiva partecipazione.

I ragazzi dei CCR e delle Consulte – sedevano a fianco bambini e ragazzi già grandi – hanno scandito il percorso della loro riflessione su tre punti chiave: diritto alla partecipazione, diritto di essere ascoltati e garanzie richieste per un effettivo ascolto. Per ciascuno di questi sviluppi i ragazzi hanno individuato strumenti e modalità concrete per favorire lo scambio di esperienze, l’incremento degli spazi di espressione e di partecipazione e l’efficacia del proprio partecipare. L’incontro tra i bambini dei Consigli Comunali e i ragazzi delle Consulte ha prodotto risultati che colpiscono per la coerenza delle richieste. Bambini e ragazzi lasciano intuire una grande voglia di vedere riconosciuto il proprio impegno; impegno che, come ripetono più volte, va ben oltre gli schieramenti di parte.

I giovani di Forlì chiedono di poter partecipare alle decisioni che riguardano la loro comunità, di essere ascoltati dagli adulti e soprattutto di poter affidare la loro esperienza di partecipazione a un sistema di garanzie, che ne ufficializzi richieste, proposte e incontri e che faciliti lo scambio di idee tra giovani e adulti. I ragazzi, ad esempio, propongono che siano messi a disposizione delle consulte piccoli budget da investire in progetti di pubblica utilità e suggeriscono di individuare, presso ciascun Comune, un referente per le consulte, che garantisca continuità e funga da tramite per interagire periodicamente con gli amministratori.

Nell’interlocuzione con i ragazzi la parola passa agli amministratori e ai politici presenti.

La Presidente Monica Donini coglie le sollecitazioni dei ragazzi invitandoli ad esercitare un ruolo propositivo nel controllo democratico sull’operato degli amministratori e proponendo una riflessione su metodologie e strumenti che consentano un reale ascolto dei giovani. La Presidente sottolinea che è sorprendente e significativo che la richiesta di regole condivise sulla base delle quali costruire una rete delle esperienze provenga proprio dai giovani. Un primo passo in questa direzione potrebbe essere rappresentato da un database che raccolga quanto già esiste sul territorio regionale, al fine di consentire uno scambio delle pratiche in essere; la conoscenza dell’esistente può infatti consentire l’elaborazione di regole che possono contribuire alla creazione di un decalogo o regolamento della consultazione e della partecipazione.

Il Consigliere Antonio Nervegna suggerisce ai ragazzi la richiesta della messa a disposizione di risorse economiche per i loro progetti; risorse che il Consigliere immagina possano essere frutto di una redistribuzione di quanto già destinato diversamente.

Il Consigliere Damiano Zoffoli invita i ragazzi a richiedere con forza che il linguaggio della politica sia comprensibile, per essere veramente democratico; e accoglie con favore la proposta, lanciata dagli stessi ragazzi, di istituire un concorso che premi la Provincia o il Comune che più si è impegnato nella valorizzazione del proprio CCR, realizzandone i progetti e dando voce e visibilità alle proposte dei giovani. Una proposta che è volta, cioè, ad un riconoscimento tangibile dell’impegno congiunto dei ragazzi e dei propri amministratori.

Sempre Zoffoli invita i giovani a mantenere nel tempo l’impegno che già si sono presi nei confronti della comunità, aderendo alle istanze partecipative alle quali appartengono. Impegno che rappresenta, per il Consigliere, l’essenza più vera della politica e che si realizza nel mettere a disposizione della collettività la propria intelligenza e la propria forza.

Nell’incontro di Forlì si è percepita la sensazione di un breve ma vero incontro fra scuola, società civile e politica, riuscito grazie all’uso del linguaggio diretto dei giovani.

Partecipa.Rete continua il suo cammino avvicinando, provincia dopo provincia, amministratori e cittadini, giovani e adulti, alla ricerca di una pratica di dialogo ed ascolto che premi la spontaneità, la reciprocità e, soprattutto, il senso di responsabilità.

Lungo il suo percorso, dunque, Partecipa.Rete giunge in prossimità di alcune fra le riflessioni più impegnative e, al tempo stesso, interessanti nel dialogo fra mondo dei giovani e mondo degli adulti: attraverso quali forme e strumenti della partecipazione è possibile dare corpo alla relazione tra il livello formale istituzionale e la rete informale dei giovani cittadini?

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.