2 milioni di euro per il recupero degli alloggi pubblici sfitti della provincia di Forlì-Cesena

La Commissione “Territorio Ambiente Mobilità” della Regione Emilia-Romagna, nell’ambito del programma di edilizia residenziale pubblica denominato “Nessun alloggio pubblico sfitto”, ha dato il via libera alla delibera di Giunta che mette a disposizione degli ACER 35 milioni di euro, di cui 2.056.075 andranno a beneficio delle abitazioni dell’ex IACP della provincia di Forlì-Cesena, per il recupero degli alloggi pubblici sfitti.

Rapidità di immissione nel circuito di assegnazione di alloggi di proprietà pubblica, minor costi ma soprattutto contenimento di consumo di nuovo territorio e recupero di un ingente capitale che se lasciato a se stesso subirebbe un processo di degrado. Sono questi i criteri che hanno spinto la Regione Emilia Romagna, in accordo con Comuni e Province, a recuperare alloggi pubblici vuoti, per la cui manutenzione non c’erano risorse, nell’ambito del programma straordinario di edilizia residenziale pubblica. Gli alloggi risistemati dovranno essere destinati, in via prioritaria, ai soggetti sottoposti a procedure esecutive di sfratto.

Il programma, varato lo scorso anno per un totale di 44.078.761 euro, prevedeva, con risorse regionali e statali, di recuperare con rapidità 1.832 alloggi sfitti. Le risorse statali, che ammontavano a 32,5 milioni di euro, sono state tagliate dall’attuale Governo.

«Non possiamo attendere oltre. Il Governo ha colpevolmente tagliato la propria quota parte di finanziamento, dobbiamo dare risposte al bisogno di alloggi di edilizia sociale, soprattutto in un momento così difficile per l’economia e per la vita di tante famiglie. Pertanto la Regione ha deciso di sostituirsi al Governo, mettendo a disposizione risorse proprie» dichiarano i Consiglieri regionali Damiano Zoffoli e Paolo Lucchi.

In Emilia Romagna, nell’ultimo anno, si è registrato un aggravamento del disagio abitativo. Infatti, sono circa 30mila le famiglie che sono lista d’attesa per ricevere un alloggio pubblico. Ed inoltre, sempre nel 2008, sono state ammesse a ricevere un contribuito del Fondo sociale per l’affitto circa 52mila famiglie, mentre nell’anno precedente erano state poco più di 48mila.

«In un contesto di crisi economica – aggiungono i Consiglieri – dobbiamo dare risposte certe e rapide al problema casa. Un Piano casa nazionale potrebbe essere una grande opportunità per rispondere contemporaneamente alla domanda di casa delle fasce deboli e contribuire al rilancio dell’economia. Vi è un significativo precedente al riguardo: il piano promosso dal Ministro Fanfani nell’immediato dopoguerra, che combatteva la disoccupazione dando la casa agli operai ed alle famiglie più deboli. Era un modo per mettere benzina al motore di un’economia in difficoltà sostenendo la domanda di case delle fasce più deboli».

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.