La Regione, accogliendo le nostre sollecitazioni, ha chiesto la modifica del provvedimento che pone fine agli sgravi contributivi. Il Governo nazionale si esprima chiaramente e dia una risposta risolutiva e definitiva

L’articolo 1, comma 2, della Legge 11 marzo 2006, n. 81 (conversione del Decreto legge 10 gennaio 2006, n. 2 “Interventi urgenti per i settori dell’agricoltura, della pesca, nonché in materia fiscalità d’impresa”) ha rideterminato, per il triennio 2006/2008, il complesso della agevolazioni contributive previste in favore dei datori di lavoro agricoli che operano in zone montane e svantaggiate dalla Legge n. 537/93 (Finanziaria 1994) nelle seguenti misure:

– riduzione del 75%, anziché del 70%, dei contributi a carico del datore di lavoro, nei territori montani particolarmente svantaggiati;

– riduzione del 68%, anziché del 40%, dei contributi a carico del datore di lavoro, nelle zone agricole svantaggiate, comprese le aree dell’obiettivo 1 di cui al regolamento CE n 1260/1999.

Il Decreto legge 3 novembre 2008, n. 171 ha, invece, posto fine a questi benefici contributivi, a partire dalla data del 31 marzo 2009.

“È una decisione sbagliata, che rischia di creare gravissime difficoltà alle aziende agricole che operano nei territori montani e nelle zone svantaggiate, incentivando il ricorso al lavoro nero” dichiarano Paolo Lucchi e Damiano Zoffoli, Consiglieri regionali del Partito Democratico.

“Questo, inoltre, avviene in un momento già difficile per il settore agricolo, che sta duramente subendo le conseguenze della crisi economica mondiale ed implicherebbe un ulteriore aumento di costi di produzione, il cui effetto sarebbe difficilmente sopportabile. Per questo abbiamo presentato una interrogazione a risposta immediata in Aula. – continuano Zoffoli e Lucchi – L’Assessore regionale Tiberio Rabboni ci ha risposto accogliendo le nostre preoccupazioni: la Regione è stata ed è contraria alla decisione e ha già chiesto la modifica del provvedimento, in occasione dell’incontro tra gli Assessori regionali all’agricoltura e il Ministero delle Politiche Agricole il 19 febbraio scorso”.

“Chiediamo – proseguono Lucchi e Zoffoli – che il Governo si esprima chiaramente, mettendo in campo una risposta davvero risolutiva e definitiva. L’ipotesi, peraltro legata alla eventuale presentazione di emendamenti al Decreto, che prevedano una proroga solo di alcuni mesi, non lo è assolutamente”.

“Stiamo inoltre predisponendo una Risoluzione – concludono Zoffoli e Lucchi – con la quale chiediamo che la Regione si adoperi attivamente perché il Governo nazionale pubblichi, in tempi brevi, il Decreto “flussi 2009”, consentendo ai lavori extracomunitari di poter entrare in Italia in tempo utile per la stagione estiva dei raccolti nel nostro territorio”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.