Il fallimento della Social Card

La card di Tremonti ha debuttato il primo dicembre 2008. Quando fu lanciata, il Ministro aveva parlato di 1.300.000 beneficiari (costo a regime: 450 milioni di euro). Secondo i dati ufficiali Inps (al 15 gennaio 2009) siamo a 580.268 carte distribuite e 423.868 attivate. In pratica, quelle funzionanti sono un terzo di quanto il Governo ipotizzava a novembre. Lascia inoltre perplessi la decisione di affidarsi a Mastercard quale partner unico per la fornitura delle card, con un impegno finanziario, secondo quanto hanno riportato diversi mezzi di informazione, pari a 7,5 milioni di euro a favore della multinazionale.

“La SOCIAL CARD è una misura che, anche per quanto riguarda la Regione Emilia-Romagna, è insufficiente e inefficace a fronteggiare la crisi economica. I dati sono inequivocabili: – rileva il Presidente della Commissione Politiche Economiche, Damiano Zoffoli – in Emilia-Romagna, nonostante una percentuale ridotta di famiglie povere, il 4,4% del totale nazionale, le social card ricaricate sono state distribuite solamente al 2,5% delle famiglie bisognose”.

“Inoltre, si tratta di un’elemosina, dal momento che una famiglia con indicatore Isee inferiore a 6.000 euro annui, meno di 15.000 euro in banca e un bambino di età tra 0 e 3 anni, riceve appena un euro al giorno e non ha alcun beneficio concreto. – continua Zoffoli – È più un’operazione di marketing, che una reale misura per combattere la povertà”.

Nel territorio dell’Emilia-Romagna sono state effettuate solamente solamente 10.462 ricariche su un totale di 13.174 richieste. Per quanto riguarda la provincia di Forlì-Cesena – conclude Zoffoli – sono oltre 180 le famiglie che non hanno potuto godere nemmeno dei 40 euro mensili delle card: 774 le carte ricaricate sul totale delle 948 persone che avevano fatto domanda. Una carenza che cresce esponenzialmente pensando alle tante famiglie bisognose che nemmeno hanno potuto presentare domanda, a causa di qualche cavillo della farraginosa procedura di richiesta ed attivazione”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.