Sarà possibile andare all’asilo in fattoria. La Regione dice sì alle Fattorie Sociali

Una ulteriore risposta alla crisi e ai nuovi bisogni della nostra società.

Sarà possibile andare all’asilo in fattoria. La Regione dice sì alle Fattorie Sociali, ovvero ad aziende agricole che affiancano alla consueta attività produttiva e di allevamento, anche un’inedita attività di ospitalità e accoglienza, rivolta ad esempio a bambini, anziani e persone diversamente abili. È l’assessore alla agricoltura Tiberio Rabboni ad esprimere questa disponibilità in risposta a un’interrogazione dei Consiglieri regionali Damiano Zoffoli e Gianluca Borghi (PD).

Nel prossimo bando della Misura 311 del Programma regionale di Sviluppo Rurale (PSR), relativa appunto alla “diversificazione delle attività agricole”, sarà possibile dare agli agricoltori la possibilità di presentare progetti anche in questa direzione, previo assenso della Consulta Agricola regionale e delle Province.

“Già oggi gli imprenditori agricoli emiliano-romagnoli possono svolgere attività di accoglienza turistica, di ristorazione o di produzione di energia; con questo bando – spiega Damiano Zoffoli, presidente della Commissione Politiche Economiche – potremo fare un ulteriore passo verso la costruzione di aziende agricole multifunzionali, sempre più in grado di diversificare le loro fonti di reddito. Si tratta di una scelta strategica per il futuro della nostra agricoltura. Ma anche di una scelta che punta a fare delle aziende agricole sempre più un punto di riferimento forte per il territorio e le comunità locali”.

“Specialmente nelle zone di montagna o in quelle disagiate, l’azienda agricola – conclude Zoffoli – potrà infatti rafforzare l’offerta di servizi educativi e di assistenza alle fasce più deboli, venendo incontro alle esigenze della popolazione, in un’ottica di sussidiarietà”.

Le Fattorie Sociali potranno svolgere la loro attività in diversi campi: dal reinserimento sociale di persone appartenenti a fasce deboli, all’accoglienza non occasionale di anziani, ai servizi educativi per bambini da 0 a 6 anni.

I soggetti beneficiari dovranno essere aziende agricole agrituristiche, condotte da cooperative sociali o da imprenditori agricoli, che operano attraverso convenzioni con gli Enti locali, nel rispetto delle normative di settore e col parere favorevole delle ASL.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.